Alimentazione e gruppi sanguigni ❖ Vulvodinia.info

VULVODINIA.INFO :: 


 ::  ::  :: 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Alimentazione e gruppi sanguigni ❖ Vulvodinia.info

Messaggio  Aida Blanchett il Gio Nov 04, 2010 12:15 am

Dieta dei gruppi sanguigni del MD Peter D'Adamo

Alimentazione e gruppi sanguigni

a cura della dr.ssa Rosanna Cesena

Il sangue è memoria, non soltanto della storia attuale dell'individuo, ma anche di quella passata, avendo mantenuto una traccia del processo evolutivo di molti fenomeni biologici e riflettendo, pertanto, il cammino dell'intera specie umana.

Van Leeuwenhoek non conosceva la medicina, ma costruì le lenti del microscopio con le quali osservava ogni tipo di sostanza e disegnerà i globuli rossi che ha riconosciuto nel suo stesso sangue.

I globuli bianchi furono osservati per la prima volta nel 1768 da Lazzaro Spallanzani, biologo emiliano e nel 1845, l'inglese Thomas Wharton riconoscerà il loro modo peculiare di spostarsi emettendo dei prolungamenti o pseudopodi, fino a che, il russo Elia Metchnikoff, alla fine del 1800, descrisse la loro strategia, cioè la fagocitosi.

Di recente, il naturopata statunitense Peter D'Adamo ha espresso la teoria secondo la quale i gruppi sanguigni sarebbero lo specchio in cui è possibile leggere il passato dei nostri antenati, con la progressiva evoluzione della specie umana.

A partire dall'affermazione iniziale del gruppo 0 dedito alla caccia ed alla raccolta di erbe e frutta selvatica, con la successiva comparsa del gruppo A, quando l'uomo diventa stanziale e produce il cibo con la coltivazione e l'allevamento degli animali, per giungere al gruppo B con lo sviluppo della pastorizia e l'impulso alle migrazioni, fino alla comparsa in epoca recente del gruppo AB.
La lettura di Peter D'Adamo non si limita ad una ricostruzione antropologica della vita sul pianeta, essa propone anche il gruppo sanguigno come impronta genetica che caratterizza la nostra identità e condiziona la reattività ed i comportamenti.
Nei 4 gruppi sanguigni della popolazione umana sono pertanto inscritte le capacità di adattamento, soprattutto del sistema digerente e di quello immunitario che hanno reso possibile la vita dei nostri antenati e la nostra attuale.

La scoperta di Peter D'Adamo consiste essenzialmente nel considerare i 4 gruppi sanguigni come la chiave interpretativa dei misteri della vita, della salute e della malattia.

Anche se l'uso clinico della trasfusione di sangue ha origini antichissime, la Medicina Trasfusionale moderna comincia agli inizi del 20° secolo con la identificazione dei primi anticoagulanti e conservanti ematici.

Karl Landsteiner nel 1900, a Vienna, mette in evidenza l'incompatibilità tra alcuni gruppi di sangue; infatti, ponendo a contatto il sangue di due persone, si può verificare una reazione immunitaria tra gli antigeni portati dai globuli rossi di un soggetto e gli anticorpi contenuti nel siero dell'altro individuo.

La pratica trasfusionale viene, comunque, affrontata come procedimento terapeutico necessario al ripristino della volemia e della capacità ossiforetica ed è nei primi anni del 19° secolo ad opera di J. Blundell che nel 1918 venne praticata con successo la prima trasfusione documentata da uomo a uomo.

In tutti questi casi, si trattava di trasfusioni dirette ed il primo tentativo di utilizzare sangue reso incoagulabile mediante defibrinazione risale al 1935.
Nel 1940, Landsteiner scopre anche il Fattore Rhesus (Rh), iniziando cosi lo studio sistematico delle proprietà dei gruppi sanguigni, constatando che l'85% degli individui di razza bianca è Rh positivo ed il restante 15% Rh negativo.
La risposta di un eritrocita al test Rh è determinata da diversi antigeni localizzati in regioni diverse della superficie del globulo rosso.
I più importanti sono chiamati antigeni C, D, E, c, d, e.

Di questi, D, ha l'azione antigenica più forte; il sangue contenente eritrociti D viene quindi indicato come Rh positivo, quello in cui manca il fattore D,(d), viene indicato come Rh negativo.

I gruppi sanguigni sono caratterizzati dalla presenza di antigeni sulla superficie dei globuli rossi. Ne esistono più di 300, raggruppati in sistemi e vengono trasmessi come caratteri autosomici co-dominanti.
I principali sistemi di gruppi sanguigni sono: AB0, Lewis, P1, MNSs, Rh, Kell, Kidd, Duffy, Lutheron.

Il sistema A B 0 permette di individuare 4 tipi diversi di gruppi sanguigni:
0, A, B e AB.

* I soggetti di tipo 0 non hanno antigeni e possiedono anticorpi diretti contro gli antigeni del gruppo A e B. Non provocando reazioni immunitarie, gli individui del gruppo 0 sono considerati donatori universali, ma possono ricevere solo sangue del gruppo 0.
* I soggetti del tipo A hanno l'antigene A e anticorpi anti-B, quindi non possono ricevere sangue del gruppo B.
* Il gruppo A può essere suddiviso nei sottogruppi A1 e A2.

La principale differenza tra i due è che gli eritrociti A1 messi in contatto con un siero anti-A agglutinano molto più massivamente e rapidamente di quelli A2.
Circa l'80% degli individui del gruppo A hanno eritrociti del tipo A1, mentre il restante 20% possiede il tipo A2.

* I soggetti del tipo B hanno l'antigene B ed anticorpi anti-A, quindi non possono ricevere sangue del gruppo A
* I soggetti del gruppo AB hanno gli antigeni A e B, mentre non possiedono anticorpi anti-A e anti-B. Non formando anticorpi, gli individui del gruppo AB possono ricevere qualunque tipo di sangue e sono considerati, quindi, riceventi universali.

In Europa, la percentuale media di soggetti appartenenti ai diversi gruppi è la seguente:

40% del gruppo 0
40% del gruppo A
15% del gruppo B
5% del gruppo AB
Gruppo sanguigno da trasfondere Gruppo sanguigno del ricevente
0 Rh - 0- 0+ A- A+ B- B+ AB- AB+
0 Rh+ 0+ A+ B+ AB+
A Rh- A- A+ AB- AB+
A Rh+ A+ AB+
B Rh- B- B+ AB- AB+
B Rh+ B+ AB+
AB Rh- AB- AB+
AB Rh+ AB+

Alcuni ricercatori hanno evidenziato che molte sostanze contenute negli alimenti sono in grado di provocare fenomeni di agglutinazione, anche se molto più deboli, nei confronti delle cellule di determinati gruppi sanguigni, provocando l'attivazione di fenomeni di vero e proprio rigetto.

Secondo D'Adamo, le intolleranze alimentari rappresentano l'incapacità di soggetti appartenenti ad un determinato gruppo sanguigno di digerire normalmente certi alimenti per la presenza di sostanze dannose, capaci di innescare fenomeni minimi di agglutinazione che sommandosi nel tempo possono esitare in varie espressioni di malattia.

Per identificare le sostanze verso cui si è intolleranti, P. D'Adamo propone di fare riferimento al proprio gruppo sanguigno, espressione dell'adattamento della specie umana ad un determinato contesto alimentare che ha consentito la sopravvivenza ai nostri antenati ma che continua a condizionarsi.

Uno degli elementi cardine dell'ipotesi sostenuta da P. D'Adamo è l'intolleranza di ciascuno dei 4 gruppi sanguigni per alcune categorie di alimenti, conseguente alla presenza di lectine. Le lectine sono proteine presenti negli alimenti, dotate delle proprietà di agglutinazione.

Ogni gruppo sanguigno, quindi, ha la capacità di metabolizzare alcune di tali proteine e non altre, cosicchè quando ingeriamo un cibo contenente lectine incompatibili con il nostro gruppo sanguigno, queste ultime possono provocare fenomeni di agglutinazione nel sangue. In questo modo, P. D'Adamo ha caratterizzato 4 profili dietetici per ciascuno dei 4 gruppi sanguigni, consigliando una dieta ideale basata sulla riduzione o eliminazione dei cibi difficili da digerire, contenenti le lectine capaci di provocare reazioni di agglutinazione.

La presenza di lectine nell'organismo può essere evidenziata dal test dell'indacano condotto sulle urine.

Con una misurazione su scala colorimetrica è possibile misurare l'eliminazione di indacano, una sostanza del gruppo chimico degli indoli che viene escreta con le feci e l'urina, quando l'apparato gastrointestinale ed il fegato non riescono a digerire le proteine. Ovviamente, il consumo di cibi ricchi di lectine incompatibili con il proprio gruppo sanguigno comporta un'aumentata eliminazione di indacano a livello urinario.

Secondo questa teoria, quindi, le persone con gruppo sanguigno di tipo 0 stanno bene seguendo una dieta ricca di proteine animali ed un programma di buona attività fisica, ma non tollerano bene i prodotti caseari ed i cereali.

Le persone di tipo A si sentono meglio seguendo una dieta vegetariana, mentre la dieta del tipo B è molto bilanciata ed include una grande varietà di alimenti.

Il gruppo sanguigno AB è relativamente giovane e raro (2 - 5%) ed ha fatto la sua prima comparsa meno di mille anni fa.

La presenza di due antigeni, infatti, gli conferisce caratteristiche simili, per certi aspetti a quelle del gruppo A, per altri a quelle del gruppo B e per altri ancora ad una fusione di entrambi i gruppi.


Ultima modifica di Aida il Gio Ott 04, 2012 1:59 am, modificato 1 volta

Aida Blanchett

Fondatrice di VULVODINIA.INFO

Fondatrice di VULVODINIA.INFO

Qualifica professionale Qualifica professionale:
Master Mind-Body Coach&Trainer

www.AidaBlanchett.com




Messaggi: 14683
Iscritto il: 17.10.10
Anno di nascita: 1977
Provincia di residenza: Roma
Comune: Roma
Storia personale Storia personale:

• LA MIA STORIA e la fondazione di VULVODINIA.INFO



❣ LO SAPEVI CHE
Le emozioni "negative" [inespresse] innescano il processo di emissione di norepinefrina, un messaggero biochimico noto come soppressore della funzione immunitaria?

• GRATIS
"Usare la Funzione Cerca è gratis e non inquina." (cit.)
Funzione Cerca!

• REGOLE
Rispetta il Regolamento della Comunità, rispetta Te Stessa:
Regolamento completo
Qui detestiamo dover fare richiami o bannare persone, non ci piace: è pesante emozionalmente e mentalmente per noi come Staff e per te come Utente pertanto per favore:
régolati!
Impegnati a creare e mantenere un clima sereno. Questo aiuta la guarigione


Faber Est Suae Quisque Fortunae: "Ognuna è Artefice del proprio Destino".

Leggi il Regolamento completo e aggiornato.

❢ GIORNI DI SCRITTURA E DI LETTURA
Il Forum apre ogni martedì, giovedì, sabato e domenica. Nei restanti giorni è in sola lettura, per permettere a te di leggere le informazioni e per dare il tempo allo Staff di rispondere a tutta l'Utenza.

• CONTATTI
Modulo di Contatto Staff

• Sezione NULLA PER SCONTATO
Non dare per scontata la presenza di un luogo virtuale come questo.
È un atto di solidarietà. Aiuta l'informazione e il sostegno alle altre donne.
Diventa Sostenitore.

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.

• RICONOSCIMENTO della VULVODINIA dal MINISTERO della SALUTE • VULVODINIA.INFO
CAMBIA le cose in ITALIA! Aida si è impegnata da tempo per far riconoscere la patologia dal Ministero della Salute. Il Prof. Francesco Bevere, Direttore Generale dell’Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, è figura sensibile alle tematiche del femminile: Aida lo ha incontrato per prima e con lui ha dialogato in persona il 22 febbraio 2013 presso la sede centrale del Ministero in Roma. Il Prof. Bevere ci sta aiutando ad accelerare l'iter di Riconoscimento Ufficiale della Sindrome da parte del Servizio Sanitario Nazionale e ha rassicurato: non siamo più sole! Da questo Sito sono nati e partiti molti progetti. Il Prof. Bevere suggerisce di renderci più visibili e per questo abbiamo bisogno anche di te: SOSTIENICI! Il tuo aiuto è prezioso!




Tornare in alto Andare in basso

Re: Alimentazione e gruppi sanguigni ❖ Vulvodinia.info

Messaggio  Aida Blanchett il Gio Nov 04, 2010 12:17 am

La dieta del gruppo sanguigno

Copyright by THEA 2004
Peter d'Adamo
La dieta del gruppo sanguigno è stata proposta dal naturopata Peter D'Adamo. Nonostante D'Adamo non abbia portato nessuna evidenza sperimentale a supporto, le sue idee (che si potrebbero chiamare filosofia dietologica) hanno avuto un certo riscontro nel pubblico e fra gli addetti ai lavori del naturale con l'uscita di opere parallele a quelle di D'Adamo.
Notevole è il livello di impreparazione e di assenza di spirito critico che esiste nel mondo "naturale" dove, quando viene proposta una teoria, la si accetta senza il coraggio di chiedere: perché?
In effetti la teoria di D'Adamo è molto suggestiva e soddisfa il desiderio di chi vuol fare dell'alimentazione una religione con terribili punizioni per chi trasgredisce le regole.
La teoria - Secondo D'Adamo durante l'evoluzione dell’uomo si sono formati i gruppi sanguigni nei quali è contenuto il messaggio genetico relativo allo stile alimentare e comportamentale: il gruppo zero è il cacciatore, il gruppo A l'agricoltore, il gruppo B il nomade, il gruppo AB l'enigmatico. D'Adamo afferma che in base al proprio gruppo sanguigno bisognerebbe evitare certi cibi che causano fenomeni di agglutinazione; poi va oltre affermando l'esistenza di una predisposizione all'attività fisica determinata dal gruppo sanguigno (per esempio gli individui del gruppo A avrebbero molte fibre rosse).
Nella teoria di D'Adamo giocano un ruolo fondamentale alcune proteine, le lectine; introducendo nel nostro corpo lectine incompatibili con il gruppo sanguigno, queste si agglutinerebbero con le cellule sanguigne, rischiando di farle precipitare con un'azione simile al rigetto che porterebbe, secondo alcuni, al corredo di sintomi delle intolleranze alimentari. Visione catastrofica che riempirà gli incubi di molti deboli di spirito.
Cosa dice la scienza - Ma cosa c'è di vero scientificamente? Molto poco. Il resto è pura filosofia e nemmeno tanto coerente. Infatti dal 1880 circa si sa che estratti di alcune piante possono agglutinare i globuli rossi e nel 1940 sono state scoperte le agglutinine che si comportano selettivamente nei confronti del gruppo sanguigno. Oggi si parla di lectine come di proteine che si legano a zuccheri senza nessun riguardo alla loro capacità di agglutinare le cellule e i globuli rossi in particolare. Quindi i cibi contenenti le "vere" lectine sono pochissimi. Capito l'errore? L'azione delle lectine con cui si legano a carboidrati è simile a quella con cui alcune sostanze si legano ai globuli rossi agglutinandoli, ma moltissime di quelle che oggi vengono chiamate lectine ai globuli rossi non fanno proprio nulla. Infatti alcune lectine possono legarsi alle cellule, ma non creare agglutinazione, oppure non legarsi nemmeno alla cellula.

Percentuali dei gruppi nella popolazione (modificata da Williams) Gruppo Bianchi Neri Orientali
A1 35 23 35
A2 10 6 1
B 8 17 23
A1 B 3 3 12
A2 B 1 1 1
0 43 50 30

Perché le conclusioni di D'Adamo non sono credibili? Perché, come sempre accade a chi vuol vendere milioni di copie, spinge sull'acceleratore e si inoltra in affermazioni non provate.
1) A condannare D'Adamo è la stessa statistica. I gruppi sanguigni sono troppo pochi per poter suddividere le caratteristiche dell'alimentazione in base a essi. Infatti il gruppo zero avrebbe problemi alle articolazioni, allo stomaco e alla coagulazione, il gruppo A soffrirebbe particolarmente di anemia, disturbi epatici e cardiocircolatori, diabete di tipo I, neoplasie, il gruppo B avrebbe tendenza al diabete, alla sindrome da affaticamento cronico e malattie autoimmuni, mentre l'AB a patologie cardiocircolatorie, anemie e neoplasie. Basta un banale screening della popolazione per accorgersi che non è così.
2) Caduta la predisposizione alle patologie, stesso discorso può farsi sull'alimentazione. L'elenco dei cibi proibiti per ogni gruppo è geniale perché fa in modo da far credere che praticamente ogni soggetto mangi attualmente male. Logico che i più deboli "cerebralmente" siano portati a credere che i loro malanni derivano proprio dal cibo X o dal cibo Y. Se ragionassero, capirebbero che si può fare la prova al contrario. Le teorie di D'Adamo sono smentite dal fatto che moltissime persone che non hanno problemi mangiano "male" secondo la teoria del gruppo sanguigno.
3) Inoltre lo sport ci dà una mano dimostrando come moltissimi campioni ottengono il massimo dal loro corpo contravvenendo alla teoria del naturopata.
4) Non siete ancora convinti? Facciamo un esempio normale che è un utile esempio di come si deve far ragionare il cervello. Il buon D'Adamo ci dice che il gruppo 0 deve astenersi da latte e latticini, mentre i gruppi B e AB devono farne largo uso. Se così fosse, di intolleranti al lattosio nei gruppi B e AB non ce ne sarebbero e D'Adamo avrebbe scoperto qualcosa di veramente utile e di scientificamente notevole. Peccato che non sia così... Morale:

diffidate sempre di chi vuol vendere la panacea di tutti i mali…

www.albanesi.it/Alimentazione/gruppi.htm

Aida Blanchett

Fondatrice di VULVODINIA.INFO

Fondatrice di VULVODINIA.INFO

Qualifica professionale Qualifica professionale:
Master Mind-Body Coach&Trainer

www.AidaBlanchett.com




Messaggi: 14683
Iscritto il: 17.10.10
Anno di nascita: 1977
Provincia di residenza: Roma
Comune: Roma
Storia personale Storia personale:

• LA MIA STORIA e la fondazione di VULVODINIA.INFO



❣ LO SAPEVI CHE
Le emozioni "negative" [inespresse] innescano il processo di emissione di norepinefrina, un messaggero biochimico noto come soppressore della funzione immunitaria?

• GRATIS
"Usare la Funzione Cerca è gratis e non inquina." (cit.)
Funzione Cerca!

• REGOLE
Rispetta il Regolamento della Comunità, rispetta Te Stessa:
Regolamento completo
Qui detestiamo dover fare richiami o bannare persone, non ci piace: è pesante emozionalmente e mentalmente per noi come Staff e per te come Utente pertanto per favore:
régolati!
Impegnati a creare e mantenere un clima sereno. Questo aiuta la guarigione


Faber Est Suae Quisque Fortunae: "Ognuna è Artefice del proprio Destino".

Leggi il Regolamento completo e aggiornato.

❢ GIORNI DI SCRITTURA E DI LETTURA
Il Forum apre ogni martedì, giovedì, sabato e domenica. Nei restanti giorni è in sola lettura, per permettere a te di leggere le informazioni e per dare il tempo allo Staff di rispondere a tutta l'Utenza.

• CONTATTI
Modulo di Contatto Staff

• Sezione NULLA PER SCONTATO
Non dare per scontata la presenza di un luogo virtuale come questo.
È un atto di solidarietà. Aiuta l'informazione e il sostegno alle altre donne.
Diventa Sostenitore.

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.

• RICONOSCIMENTO della VULVODINIA dal MINISTERO della SALUTE • VULVODINIA.INFO
CAMBIA le cose in ITALIA! Aida si è impegnata da tempo per far riconoscere la patologia dal Ministero della Salute. Il Prof. Francesco Bevere, Direttore Generale dell’Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, è figura sensibile alle tematiche del femminile: Aida lo ha incontrato per prima e con lui ha dialogato in persona il 22 febbraio 2013 presso la sede centrale del Ministero in Roma. Il Prof. Bevere ci sta aiutando ad accelerare l'iter di Riconoscimento Ufficiale della Sindrome da parte del Servizio Sanitario Nazionale e ha rassicurato: non siamo più sole! Da questo Sito sono nati e partiti molti progetti. Il Prof. Bevere suggerisce di renderci più visibili e per questo abbiamo bisogno anche di te: SOSTIENICI! Il tuo aiuto è prezioso!




Tornare in alto Andare in basso

Re: Alimentazione e gruppi sanguigni ❖ Vulvodinia.info

Messaggio  xena84 il Dom Gen 15, 2012 4:12 pm

Io seguo da un po' la dieta del gruppo sangigno e mi trovo molto bene. In Italia il medico più addentrato si chiamo Piero Mozzi ed il sito di riferimento è: http://www.mogliazze.it/

xena84
Utente bannato ❢
Utente bannato ❢

Messaggi: 159
Iscritto il: 19.12.11
Anno di nascita: 1984
Provincia di residenza: Roma
Storia personale Storia personale: http://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t909-uno-spiraglio-di-luce

L'Utente è stata bannata per aver continuato a seminare il panico fra le Utenti, per minacce alla sicurezza del Sito e del Forum, per comportamento offensivo nei confronti dello Staff e per minacce personali dirette all'Admin stessa.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Alimentazione e gruppi sanguigni ❖ Vulvodinia.info

Messaggio  Aida Blanchett il Dom Gen 15, 2012 8:14 pm

La dieta per gruppi sanguigni il cui padre fu Peter d'Adamo, la conosco. Fermo restando che è utile eliminare zuccheri raffinati, alcohol, caffeina, sono per la dieta variata ed alcalinizzante, come già espresso ampiamente. ;)

Aida Blanchett

Fondatrice di VULVODINIA.INFO

Fondatrice di VULVODINIA.INFO

Qualifica professionale Qualifica professionale:
Master Mind-Body Coach&Trainer

www.AidaBlanchett.com




Messaggi: 14683
Iscritto il: 17.10.10
Anno di nascita: 1977
Provincia di residenza: Roma
Comune: Roma
Storia personale Storia personale:

• LA MIA STORIA e la fondazione di VULVODINIA.INFO



❣ LO SAPEVI CHE
Le emozioni "negative" [inespresse] innescano il processo di emissione di norepinefrina, un messaggero biochimico noto come soppressore della funzione immunitaria?

• GRATIS
"Usare la Funzione Cerca è gratis e non inquina." (cit.)
Funzione Cerca!

• REGOLE
Rispetta il Regolamento della Comunità, rispetta Te Stessa:
Regolamento completo
Qui detestiamo dover fare richiami o bannare persone, non ci piace: è pesante emozionalmente e mentalmente per noi come Staff e per te come Utente pertanto per favore:
régolati!
Impegnati a creare e mantenere un clima sereno. Questo aiuta la guarigione


Faber Est Suae Quisque Fortunae: "Ognuna è Artefice del proprio Destino".

Leggi il Regolamento completo e aggiornato.

❢ GIORNI DI SCRITTURA E DI LETTURA
Il Forum apre ogni martedì, giovedì, sabato e domenica. Nei restanti giorni è in sola lettura, per permettere a te di leggere le informazioni e per dare il tempo allo Staff di rispondere a tutta l'Utenza.

• CONTATTI
Modulo di Contatto Staff

• Sezione NULLA PER SCONTATO
Non dare per scontata la presenza di un luogo virtuale come questo.
È un atto di solidarietà. Aiuta l'informazione e il sostegno alle altre donne.
Diventa Sostenitore.

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.

• RICONOSCIMENTO della VULVODINIA dal MINISTERO della SALUTE • VULVODINIA.INFO
CAMBIA le cose in ITALIA! Aida si è impegnata da tempo per far riconoscere la patologia dal Ministero della Salute. Il Prof. Francesco Bevere, Direttore Generale dell’Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, è figura sensibile alle tematiche del femminile: Aida lo ha incontrato per prima e con lui ha dialogato in persona il 22 febbraio 2013 presso la sede centrale del Ministero in Roma. Il Prof. Bevere ci sta aiutando ad accelerare l'iter di Riconoscimento Ufficiale della Sindrome da parte del Servizio Sanitario Nazionale e ha rassicurato: non siamo più sole! Da questo Sito sono nati e partiti molti progetti. Il Prof. Bevere suggerisce di renderci più visibili e per questo abbiamo bisogno anche di te: SOSTIENICI! Il tuo aiuto è prezioso!




Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

VULVODINIA.INFO :: 


 ::  ::  :: 

Permesso del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum