BENVENUTA SUL SITO DI

ASSOCIAZIONE VULVODINIAPUNTOINFO ONLUS

Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale

DAL 2010 LA VOCE DELLE DONNE CON VULVODINIA

o Sindrome Vulvo-Vestibolare (SVV)

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica. Verifica qui

Oggi siamo in 2594 Community fondata da Elena Tione la Dom 17 Ott 2010, 23:42 online da 2414 giorni
Condividere
Vedere l'argomento precedenteAndare in bassoVedere l'argomento seguente
avatar
Simona 82



Messaggi : 95
Iscritto il : 07.01.14
Anno di nascita : 1982
Provincia di residenza : Lucca
Storia personale Storia personale : http://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1567-storia-personale-mi-presento

magnetoterapia

il Dom 26 Gen 2014, 12:26
Salve, in questi giorni ho scoperto un nuovo prodotto, i magneti, che mi hanno spiegato avere dei buoni risultati sul dolore e l'infiammazione. Ho fatto una ricerca nel forum ma non ho trovato niente al riguardo, pertanto ho pensato di scrivere qualche informazione. Spero che possa essere di aiuto:


La magnetoterapia aiuta da sempre l’uomo a recuperare in modo naturale la piena funzionalità. I MAGNETI portano un rapido e grande beneficio a chi soffre di cervicalgia, artrosi, periartrite, sciatalgia, lombalgia, rigidità muscolari, meniscopatia, epicondilite e dolori in genere.
I magneti possono essere utilizzati ad ogni età e sono privi di controindicazioni (tranne per le donne in gravidanza e i portatori di pace-maker). Nelle patologie acute riducono i sintomi dolorosi e il conseguente tempo di inabilità; nelle patologie articolari invece apportano una rapida ripresa della vita normale.
L’applicazione dei magneti è assolutamente compatibile con le terapie farmacologiche o naturali.

[*]È stato appurato che una cellula "sana" è dotata di una membrana cellulare con una carica elettromagnetica pari a 0,8 microvolt. Se per qualche ragione si dovesse verificare una perdita di elettroni si avrà una diminuzione di tale valore e in mancanza di un qualche intervento esterno la carica diminuirà progressivamente fino al decesso della cellula stessa (al di sotto dei 0,2 microvolt). È a causa di questo meccanismo che a volte l'organismo s'indebolisce fino ad ammalarsi. 

[*]Un possibile rimedio sarà quello di bloccare e bilanciare la perdita di elettroni applicando, ad esempio, l'energia magnetica negativa di un magnete permanente.

[*]Un magnete genera un campo magnetico statico con la polarità negativa (nord) da un lato e positiva (sud) dall'altro. Le polarità dello stesso segno si respingono e quelle di segno opposto si attraggonoTutte le cellule del nostro corpo sono composte da elementi con cariche negative (-) e positive (+).

[*]Negli stessi vasi sanguigni poi, scorre un "liquido" anch'esso composto da elementi caricati positivamente e negativamente, disposti però disordinatamente quando la zona è "malata" o traumatizzata.

[*]Applicando in questo caso il polo negativo (NORTH POLE ®) a contatto con la parte "malata" esso determinerà (attraendo le cariche positive e respingendo quelle negative), un riordino della polarizzazione degli elementi contenuti nei vasi sanguigni.

[*]Tale regolarizzazione delle cariche produce tutta una serie di benefici, per primo quello di migliorare la circolazione sanguignache a sua volta produce: 
[*]un miglior drenaggio delle tossine o altre concentrazioni

[*]un rinnovato afflusso di sangue più ricco di ossigeno e caldo che a sua volta, aumentando la temperatura locale (+3 °) produce:

[*]una vasodilatazione che "fluidifica" un'eventuale contrattura favorendo: 

[*]una riduzione di edemi, gonfiori, ecc.


[*]la produzione di sostanze antidolorifiche (endorfine)

[*]la stimolazione del metabolismo cellulare che favorisce la for­mazione delle particelle proteiche (aminoacidi) preposte all'emissione elettromagnetica (bilanciamento energetico delle cellule)

[*]stimolazione del sistema immunitario.

[*]Inoltre, l'applicazione dei magneti per quei traumi che possono aver provocato la rottura di parte delle fibre di sostegno come il derma, le articolazioni, i tendini e le ossa, stimola (attivandole), le cellule matri­ci fibroblasti (presenti nel sangue) che producono collagene ed elastina, cioè le fibre che compongono il derma, le articolazioni, i tendini e le ossa, quindi gli elementi di riparazione di quei tessuti (nelle fratture accelera la formazione del callo osseo). Allo stesso modo, per i muscoli vengono attivate le mioblasti, cioè le cellule che producono fibre muscolari. Concludendo, ripristinando mediante l'applicazione del polo negativo del magnete l'originario equilibrio elettromagnetico cellulare (cellula "sana") e disponendo dei benèfici effetti sopra descritti, avremo effettuato la rigenerazione delle cellule danneggiate, quindi il recupero della piena funzionalità.

[*]

Non so se possono essere di aiuto per la vulvodinia e per i nostri dolori, fatemi sapere cosa ne pensate!
Vedere l'argomento precedenteTornare in altoVedere l'argomento seguente
Argomenti simili
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum