Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica
Oggi siamo in 2799
Community fondata da
Elena Tione
la Dom 17 Ott 2010, 23:42
online da 2591
giorni
☎ 06.92 91 97 52 OGNI LUNEDI
h 20-21
Condividere
Vedere l'argomento precedenteAndare in bassoVedere l'argomento seguente
avatar
michelle87
Sostenitrice 2017

Sostenitrice 2017
Messaggi : 486
Iscritto il : 21.11.13
Anno di nascita : 1987
Provincia di residenza : Grosseto
Storia personale Storia personale : https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1552-la-mia-storia-con-la-vulvodinia-michelle87

Socia 2017

Contrazioni del parto: il nostro corpo sa come fare!

il Dom 10 Gen 2016, 19:22
Cosa si contrae?
L’utero. Che è un fascio di muscoli.

Quali altri muscoli del corpo fanno un male cane quando lavorano correttamente?
Nessuno.

Quindi perché le nostre contrazioni devono essere un calvario?
– Perché abbiamo un cervello complesso (su cui vi abbiamo già ammorbato qui e qui).
– Perché non ci prepariamo (e non ci preparano) adeguatamente.
– Perché ci complichiamo (e ci complicano) la vita. E allora queste contrazioni, questi movimenti dell’utero, cerchiamo di conoscerli e capirli. Che poi ci fanno meno paura. E anche meno male.

1) Le contrazioni non le subiamo, le facciamo noi.Non sono botte in testa che un pazzo sadico ci somministra mentre abbiamo la testa in un sacco. Sono un movimento preciso che il nostro corpo sa fare. Se noi sappiamo cosa e come sta facendo e glielo lasciamo fare.

2) Le contrazioni sono un dolore pulito.A differenza di tutti gli altri dolori che conosciamo, le contrazioni non lasciano traccia, strascichi, lividi. C’è una sensazione intensa e quando passa è passata. Ci avvisa quando sta arrivando e ci saluta quando se ne va. E’ intensa, ma cortese. Come un’onda: inizia gradualmente, raggiunge un picco, e gradualmente svanisce. Del tutto.

3) Le contrazioni danno tregua.Tra una contrazione e l’altra c’è una pausa completa. Totale.La prima fase del travaglio, la più lunga, ha in media una contrazione di 30 secondi per 4 minuti di riposo. Su 60 minuti fanno meno di 10 minuti di contrazione.Quando il travaglio si intensifica abbiamo una contrazione di un minuto per 3 minuti di pausa. Su 60 minuti fanno 15 di contrazione e 45 di riposo.La fase finale, comunque più breve, ha un ritmo di contrazione/riposo un minuto ciascuno. Siamo comunque al 50%.La pausa tra una contrazione e l’altra ha una funzione specifica: farci riposare. Se noi la passiamo ad agitarci, anticipare l’arrivo della prossima contrazione o (peggio!) interagire con il personale intorno a noi…la sprechiamo. La contrazione successiva ci coglierà di sorpresa e travolgerà. Sarà davvero dolorosa e anche poco efficace. Quelle successive saranno anche peggio. Come le onde, si caricano a vicenda. Se invece lasciamo intatta la nostra bolla del travaglio (e nostro marito e la nostra ostetrica sanno come evitare che altri la spezzino) ci addormentiamo e quando arriva l’altra la seguiamo e assecondiamo in uno stato di dormiveglia. Non è un caso che molte donne che hanno avuto un parto dolce giurino di non aver sentito dolore. Non è una balla. Non lo hanno dimenticato. Semplicemente, lo hanno evitato.

4) Le contrazioni ci facilitano le prime ore col bambino. Ogni singola contrazione è un passo che ci avvicina al nostro bambino. Come per scalare una montagna ripida: ci vuole preparazione e una guida esperta. Ma quando arrivi in cima non c’è funivia che possa competere con la sensazione di aver conquistato la vetta. E gli ormoni lo sanno e fluiscono di conseguenza: la soddisfazione fisica di un parto dolce e naturale è, da un punto di vista strettamente chimico, il bagaglio migliore per bonding e allattamento.

5) La parola “contrazione” ci fotte già in partenza.Solo a dirla, ci mettiamo in stato di totale tensione. Per la paura, e per la reazione fisica al senso della parola stessa. Solo a dirla facciamo l’esatto contrario di quello che il nostro corpo vuole che facciamo: ci mettiamo in tensione quando dovremmo solo lasciarci andare. Mettere la propria mente nella cornice rigida di un dolore atroce è il modo più sicuro per ottenerlo.Se nessuno dicesse più “contrazione” ma “sensazione”, ad esempio, o per chi non ha paura di essere hippy “onda dell’utero“, inizieremmo già a impostare un approccio più incoraggiante.Come per tutto il resto della maternità, e impareremo presto a capirlo col nostro bambino, combattere e opporsi serve a poco. Rende le cose più difficili. E fa più male.Il nostro corpo può fare tutto.E’ la nostra mente che dobbiamo convincere.

Fonte: http://ilpartopositivo.com/2015/05/08/contrazioni-tutto-quello-che-devi-veramente-sapere-e-nessuno-ti-dice/


Ultima modifica di michelle87 il Gio 18 Feb 2016, 22:18, modificato 1 volta
avatar
Aida Blanchett

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS
Qualifica professionale Qualifica professionale :
Master Mind-Body Coach & Trainer per donne con dolore pelvico, fibromialgia, dolore cronico, stress management, best life design. Contatti
www.AidaBlanchett.com


Messaggi : 16108
Iscritto il : 17.10.10
Anno di nascita : 1977
Provincia di residenza : Roma
Comune : Roma
Storia personale Storia personale : • LA MIA STORIA e la fondazione di VULVODINIA.INFO e VULVODINIA.INFO ONLUS


Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585

IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO ONLUS non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO ONLUS si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO ONLUS non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.


Re: Contrazioni del parto: il nostro corpo sa come fare!

il Dom 10 Gen 2016, 19:47
Esatto! Grande, grande, GRANDE!!!!  yahoo graziee@michelle87 #VincereSenzaCombattere




Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585


IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020
avatar
alechim



Messaggi : 283
Iscritto il : 17.02.15
Anno di nascita : 1975
Provincia di residenza : Varese
Storia personale Storia personale : La mia Scheda https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1858-la-mia-scheda-personale

La mia SP: https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1861-ciao-mi-presento

Re: Contrazioni del parto: il nostro corpo sa come fare!

il Gio 05 Mag 2016, 15:32
http://www.greenme.it/vivere/salute-e-benessere/20150-gas-esilarante-parto

questo link cozza un pò col titolo della discussione e rispetto alla fantastica descrizione fatta da michelle87 sul parto. Però magari potrebbe essere un' alternativa per chi non riesce proprio a rilassarsi durante il travaglio.

... sarebbe interessante sapere se funziona anche durante la penetrazione  wow
Vedere l'argomento precedenteTornare in altoVedere l'argomento seguente
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum