Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica
Oggi siamo in 2796
Community fondata da
Elena Tione
la Dom 17 Ott 2010, 23:42
online da 2589
giorni
☎ 06.92 91 97 52 OGNI LUNEDI
h 20-21
Condividere
Vedere l'argomento precedenteAndare in bassoVedere l'argomento seguente
avatar
Aida Blanchett

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS
Qualifica professionale Qualifica professionale :
Master Mind-Body Coach & Trainer per donne con dolore pelvico, fibromialgia, dolore cronico, stress management, best life design. Contatti
www.AidaBlanchett.com


Messaggi : 16108
Iscritto il : 17.10.10
Anno di nascita : 1977
Provincia di residenza : Roma
Comune : Roma
Storia personale Storia personale : • LA MIA STORIA e la fondazione di VULVODINIA.INFO e VULVODINIA.INFO ONLUS


Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585

IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO ONLUS non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO ONLUS si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO ONLUS non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.


Lo stress (distress) ❖ Vulvodinia.info

il Ven 10 Dic 2010, 20:16
Lo stress
Adattamento mancato
Lo stress fa parte della nostra vita da sempre. é una reazione fisiologica che sopraggiunge quando non è possibile rispondere con una azione adeguata a una situazione difficile. Il termine inglese stress fu coniato per indicare la tensione dei metalli fino al punto di rottura. Lo stress di per se non è negativo ma diventa tale quando si accumulano stimoli pressanti verso i quali non c'è possibilità dilottare o di sottrarsi con la fuga. Si raggiunge un punto di rottura come nei metalli, si rompe un equilibrio e il corpo lancia segnali di allarme: stanchezza, difficoltà di concentrazione, insonnia, sbalzi di umore, difficoltà digestive, tachicardia, ipertensione, ecc.
Fortunatamente l'individuo si adegua all'ambiente e impara a utilizzarlo a proprio vantaggio (sindrome generale di adattamento). Esiste infatti uno stress positivo detto eustress che è determinato da una adeguata risposta allo stimolo in genere positivo (una dichiarazione d'amore desiderata è un esempio di eustress). Il distress è una reazione patologica, disfunzionale, esagerata allo stimolo ambientale-sociale; per esempio il ricevente di una dichiarazione d'amore che innamorato non è ma si impegna al matrimonio, oppure il vero innamorato troppo emotivo che risponde in modo esagerato. Lo stress inteso comunemente è in realtà il distress, cioè la risposta inadeguata ed esagerata alle richieste del mondo: il mondo occidentale che richiede sempre più grinta, determinazione, competitività, che esalta i valori del successo personale e della produttività, che aborrisce l'idea di perdersi del tempo per sé. Il mondo orientale, al contrario, è più rivolto verso l'interno, più interessato alla componente qualitativa e spirituale dell'essere umano e della realtà in genere e ritiene più saggio adattarsi agli eventi man mano che si presentano, considerando lo sforzo inutile e dannoso.
Questo non è un atteggiamento passivo nei confronti degli eventi ma un sintonizzarsi con l'andamento generale dell'universo come un bravo surfista che riesce a cavalcare l'onda senza esserne travolto, raggiungendo così la riva.
In occidente il mito del guerriero che con la propria lancia (la ragione) sconfigge il drago (l'istinto) rappresenta a livello simbolico il conflitto dell'uomo moderno tra le richieste razionali e quelle istintuali profonde. L'uomo occidentale è costretto a lottare con questo nemico interno, il drago, che si rafforza quanto più si cerca di domarlo.
Questa lotta è lo stress. Per non combattere il drago e renderlo mansueto è necessario un cambiamento di mentalità che non esalti la prestazione personale e la competizione ma consideri più utili e anche più etici la cooperazione e la tolleranza.
Valeria Marracino - psicoterapeuta
Fonte




Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585


IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020
Vedere l'argomento precedenteTornare in altoVedere l'argomento seguente
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum