Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica
Oggi siamo in 2801
Community fondata da
Elena Tione
la Dom 17 Ott 2010, 23:42
online da 2592
giorni
☎ 06.92 91 97 52 OGNI LUNEDI
h 20-21
Condividere
Vedere l'argomento precedenteAndare in bassoVedere l'argomento seguente
avatar
Aida Blanchett

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS
Qualifica professionale Qualifica professionale :
Master Mind-Body Coach & Trainer per donne con dolore pelvico, fibromialgia, dolore cronico, stress management, best life design. Contatti
www.AidaBlanchett.com


Messaggi : 16108
Iscritto il : 17.10.10
Anno di nascita : 1977
Provincia di residenza : Roma
Comune : Roma
Storia personale Storia personale : • LA MIA STORIA e la fondazione di VULVODINIA.INFO e VULVODINIA.INFO ONLUS


Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585

IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO ONLUS non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO ONLUS si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO ONLUS non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.


Dispareunìa, vaginismo ❖ Vulvodinia.info

il Dom 09 Gen 2011, 16:07
Tratto da Giannantonio, M. (2005). Fiori senza luce. Sentieri per la crescita sessuale femminile. Ecomind
I disturbi da dolore sessuale possono sono classificabili in due tipi differenti: dispareunia e vaginismo. Consideriamoli separatamente e nel dettaglio.

Dispareunia
La dispareunia è un dolore percepito durante il rapporto sessuale o immediatamente seguente ad esso, non completamente spiegabile da una causa medica, non attribuibile essenzialmente a scarsa lubrificazione vaginale, non dovuto a significative contrazioni muscolari come nel vaginismo (vedi oltre). Il dolore può essere percepito come localizzato superficialmente o in profondità, percepibile quest ultimo solo durante le spinte del pene.
Alcune cause mediche possono essere responsabili, almeno parzialmente, del dolore accusato: conseguenze di interventi chirurgici, del parto o dell'episiotomia praticata durante il parto, endometriosi, infezioni vaginali o uretrali specie se ricorrenti, atrofia vaginale seguente alla menopausa, carenza di estrogeni presente durante il periodo dell'allattamento. Alcuni farmaci antidepressivi e antipsicotici possono dare problemi di dispareunia: flufenazina, amoxapina, tioridazina. Sembrano esistere, infine, rari casi di allergia allo sperma del partner che si risolvano, in modo controintuitivo, con l'uso del profilattico.
Se non sembrano essere presenti cause fisiche che giustifichino il dolore - in parte o in toto - bisogna allora considerare la possibile presenza di fattori psicologici. La prima domanda da porsi per valutare la presunta componente psicologica del disturbo è se si tratti di un dolore sempre presente o presente solo in alcune circostanze. Se il dolore è presente con un partner ma non con un altro, e il pene del partner che causa dolore non è significativamente diverso per dimensione da quello dell'altro, allora ci sono buone possibilità che il problema abbia una base psicologica. O ancora, se una donna prova dolore con la penetrazione di un pene ma non con la penetrazione effettuata con un oggetto a forma fallica di dimensioni similari ad un pene, allora la componente psicologica del disturbo dovrebbe essere assodata. In altre situazioni la componente psicologica del problema diventa individuabile con certezza quando la dispareunia diminuisce e poi scompare in seguito al miglioramento di disturbi sessuali di differente natura, ad esempio disturbi dell'eccitazione. Tutto ciò farebbe pensare ad una componente psicologica nelle percezione di questo tipo di dolori.
Sembra però che diversi casi di dispareunia siano di origine mista, cioè contemporaneamente medica e psicologica. Un problema medico, della natura più diversa, verrebbe allora mal gestito psicologicamente, ad esempio con eccessiva tensione muscolare, difficoltà di abbandono e di sintonizzazione sulle sensazioni di piacere e di eccitazione, in tal modo amplificando il disagio provocato dal dolore stesso. In particolare, la dispareunia sembra essere presente in coincidenza con la sindrome della vestibolite vulvare o vulvodinia, ovvero una infiammazione del vestibolo cioè dell'apertura vaginale e dei tessuti vaginali immediatamente adiacenti all'apertura vaginale stessa. In casi gravi possono essere presenti dolori anche senza alcun tentativo di penetrazione, ma semplicemente attraverso il contatto della vulva con indumenti o con una sedia.
Nelle donne con dispareunia si riscontrano frequentemente un'ansia elevata ed una marcata tendenza all'ipercontrollo, variabili che tendono ad incrementare la tensione dei muscoli perivaginali e a produrre una minore lubrificazione vaginale, con ciò aumentando la possibilità che si percepisca dolore durante la penetrazione, anche se effettuata solamente con un dito. Oltre a ciò, a volte si ritrovano nelle donne con problemi di vaginismo convinzioni religiose eccessivamente rigide, precedenti esperienze sessuali molto sgradevoli, problemi sessuali del partner come impotenza ed eiaculazione precoce.

Vaginismo
Si intende per vaginismo una contrazione involontaria dei muscoli vaginali che impedisca o renda molto difficoltosa la penetrazione, ostacolo che non può essere spiegato sulla base di un problema medico. Più precisamente, la contrazione interessa i muscoli perineali (posti tra l'orifizio anale e quello vaginale), della vulva e dell'orifizio vaginale. In alcuni casi la contrazione muscolare rende impossibile ogni forma di penetrazione vaginale, mentre a volte sono possibili penetrazioni parziali, come quella di un dito, di un assorbente interno, dello speculum del ginecologo. Una buona percentuale di donne vaginismiche non è consapevole dell'esistenza che uno spasmo muscolare è alla base del loro problema. Al momento non esistono dati particolarmente attendibili sulla percentuale di questo disturbo nella popolazione femminile, ma diverse indicazioni lasciano pensare che sia relativamente presente. Il vaginismo può presentarsi in seguito a problematiche di tipo medico, come una infezione, ma persiste anche dopo la guarigione della problematica medica. Frequentemente le donne che presentano vaginismo possono presentare alcune delle seguenti caratteristiche: personalità fobica, tendenza all'ipercontrollo, poca familiarità con l'anatomia dei propri organi genitali, sensi di colpa, paura degli uomini, forte conflittualità con il partner, paura di lasciarsi andare, ma generalmente risultano globalmente equilibrate. In alcuni casi si tratta di un disturbo funzionale a qualche problema di coppia, al mantenimento di un equilibrio, visto che alcuni uomini non si mobilitano minimamente per cercare una via per la risoluzione del problema. In questi casi, quindi, il vaginismo potrebbero anche venire risolto, nel senso che la penetrazione potrebbe diventare possibile, ma la donna potrebbe comunque evitare di avere rapporti sessuali, e si dovrebbero quindi affrontare i veri problemi della coppia e/o altre problematiche della donna. Talora, ad esempio, il vaginismo può essere legato alla paura di una gravidanza o a un suo rifiuto che la donna non riesce ad esplicitare al partner o anche a sé stessa.
In passato sono stati anche effettuati tentativi chirurgici per intervenire sul problema del vaginismo. Ad esempio, si è proceduto con la dilatazione chirurgica della vagina o la resezione dei muscoli che si contraggono involontariamente. Il vaginismo, però, non è un problema della vagina, non è un problema muscolare, ma della persona e/o della relazione di coppia.
Fonte




Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585


IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020
Vedere l'argomento precedenteTornare in altoVedere l'argomento seguente
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum