Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica
Oggi siamo in 2733
Community fondata da
Elena Tione
la Dom 17 Ott 2010, 23:42
online da 2532
giorni
☎ 06.92 91 97 52 OGNI LUNEDI
h 20-21
Condividere
Vedere l'argomento precedenteAndare in bassoVedere l'argomento seguente
avatar
Aida Blanchett

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS
Qualifica professionale Qualifica professionale :
Master Mind-Body Coach & Trainer per donne con dolore pelvico, fibromialgia, dolore cronico, stress management, best life design. Contatti
www.AidaBlanchett.com


Messaggi : 16118
Iscritto il : 17.10.10
Anno di nascita : 1977
Provincia di residenza : Roma
Comune : Roma
Storia personale Storia personale : • LA MIA STORIA e la fondazione di VULVODINIA.INFO e VULVODINIA.INFO ONLUS


Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585

IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO ONLUS non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO ONLUS si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO ONLUS non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.


Perdite vaginali fisiologiche e non • VULVODINIA.INFO

il Ven 18 Feb 2011, 01:54
Perdite vaginali Copyright by THEA 2010
Le perdite vaginali sono un fenomeno che può avere connotazioni fisiologiche o, al contrario può essere sintomo di un problema di tipo patologico.

Normalmente, nel canale della vagina si forma un fluido denominato fluor la cui funzione principale è quella di mantenere lubrificate le pareti vaginali allo scopo di prevenire le infiammazioni da sfregamento che potrebbero essere causate dai normali movimenti quotidiani. In condizioni normali il liquido vaginale non fuoriesce, ma vi sono determinate condizioni che, pur non assumendo connotazioni di tipo patologico, possono provocare il fastidioso fenomeno delle perdite vaginali.

Le perdite vaginali fisiologiche
Le perdite vaginali sono per esempio un fenomeno comune a molte ragazze nell'età adolescenziale (si parla infatti di leucorrea delle adolescenti); queste perdite vaginali sono provocate dall'instabilità della situazione ormonale tipica del periodo puberale; quando tale situazione si stabilizza, le perdite vaginali solitamente scompaiono. Sono da considerarsi normali anche le perdite vaginali che si verificano per qualche giorno dopo il termine del ciclo mestruale (leucorrea post-mestruale) a causa di un ritardo nella ricostruzione del tessuto dell'endometrio e, se il fenomeno diventa particolarmente fastidioso, è possibile porvi rimedio ricorrendo a una terapia estrogenica di blanda entità.


Alcune donne osservano la comparsa di perdite vaginali nel periodo ovulatorio (leucorrea ovulatoria); il fenomeno si verifica perché, durante l'ovulazione, si ha una fluidificazione del muco cervicale provocata dalla notevole concentrazione ematica di estrogeni. Anche nelle donne anziane si possono avere fenomeni di perdite vaginali, in questo caso il motivo è, al contrario, la carenza di estrogeni, tale carenza causa un assottigliamento della mucosa vaginale che lascia filtrare più liquidi del normale. Se il medico, dopo aver valutato le eventuali problematiche, lo ritiene opportuno, è possibile porre rimedio a tale problema con la somministrazione di una blanda terapia a base di estrogeni.
In altri casi le cause di perdite vaginali sono un effetto collaterale dei contraccettivi orali estroprogestinici, l'utilizzo troppo frequente di irrigazioni vaginali, di alcuni deodoranti intimi o prodotti con azione spermicida. Molte donne infine riferiscono di aumentate perdite vaginali a seguito dell'utilizzo abituale di assorbenti interni.
In linea generale, le perdite vaginali fisiologiche, al di là dei fastidi provocati dallo sporcare gli indumenti intimi e dalla sensazione di bagnato, sono asintomatiche e non necessitano di particolari trattamenti, se non una blanda terapia a base di estrogeni in quei casi in cui il fenomeno diventa penalizzante da un punto di vista della qualità della vita.


Le perdite vaginali patologiche

perdite vaginaliLe perdite vaginali possono essere provocate da processi patologici. L'elemento fondamentale che generalmente permette una prima discriminazione fra perdite vaginali fisiologiche e perdite vaginali patologiche è la mancanza o meno di sintomi. Le perdite vaginali di tipo patologico sono in genere associate a prurito, bruciore, irritazione vaginale, irritazione genitale esterna, cattivo odore e dispareunia (dolorabilità a livello dell'area vaginale durante e/o dopo un rapporto sessuale).



Normalmente, le perdite vaginali fisiologiche, oltre che essere asintomatiche, sono caratterizzate dalla loro semitrasparenza; le perdite vaginali patologiche invece assumono caratteristiche molto diverse che dipendono dal processo patologico che le ha provocate. 


Sono molte le patologie che sono alla base di perdite vaginali alterate; fra le più ricorrenti ricordiamo:


   Atrofia vaginale


   Cancro della vagina


   Candidosi


   Cervicite


   Clamidia


   Fibroma


   Fistole retto-vaginali


   Gonorrea


   Herpes genitale


   Infezione da papilloma virus umano


   Malattia infiammatoria pelvica


   Tumore alla cervice uterina


   Vaginite


   Vaginosi batterica


   Verruche genitali.


Vediamo adesso come possono presentarsi le perdite vaginali di origine patologica.


Perdite vaginali giallo-grigiastre - Potrebbero essere provocate da clamidia, una patologia infettiva che si trasmette per via sessuale e che colpisce la mucosa vaginale. Il trattamento è di tipo antibiotico e dovrà essere seguito anche dal partner. La clamidia è una patologia da non trascurare perché può essere fonte di seri problemi a carico di utero e ovaie.


Perdite vaginali muco-purulente – Potrebbero essere causate da clamidia o da Ureaplasma urealyticum, un batterio che, in bassissime concentrazioni, è riscontrabile nella microflora vaginale, ma una cui crescita eccessiva è causa di infezioni vaginali.


Perdite vaginali bianche, maleodoranti e schiumose – Potrebbero essere causate da vaginosi batterica o da Gardnerella vaginalis, una patologia infettiva che non deve essere assolutamente sottovalutata perché potrebbe causare seri problemi all'apparato genitale. Spesso le perdite vaginali sono accompagnate da bruciore e da dolore, soprattutto dopo i rapporti sessuali. Il trattamento è di tipo antibiotico, sia per via orale che tramite l'applicazione di pomate od ovuli.


Perdite vaginali, grumose, il cui aspetto ricorda quello della ricotta – Sono provocate da infezioni da funghi del genere Candida (candidiasi). Le perdite vaginali sono generalmente associate a bruciori, prurito, dolore sia nell'urinare sia durante i rapporti sessuali. È un'infezione trasmissibile sessualmente e anche il partner dovrà seguire la terapia antifungina.


Perdite vaginali schiumose giallo-verdastre e maleodoranti – Sono provocate da Trichomonas vaginalis, un'infezione sessualmente trasmissibile. Talvolta sono associate a bruciore e dolore. Il trattamento può essere locale o sistemico.


Perdite vaginali di colore giallognolo e consistenza cremosa – Potrebbero essere provocate da gonorrea, un'infezione dovuta ad un batterio Gram-negativo, la Neisseria gonorrhoeae. La gonorrea è curata con antibiotici, quali penicillina, tetracicline ed eritromicina. I soggetti colpiti devono astenersi da rapporti sessuali fino alla completa guarigione.


Perdite vaginali ematiche – Le perdite vaginali di sangue, escludendo quelle provocate dal ciclo mestruale, potrebbero avere come origine un fibroma oppure polipi alla cervice uterina o all'endometrio oppure essere causate da malattia infiammatoria pelvica.


In caso di perdite vaginali con tracce di sangue è necessario sottoporsi a una visita ginecologica che ne individui l'origine.


La prevenzione delle perdite vaginali

La prevenzione delle perdite vaginali può essere effettuata perseguendo un'opportuna igiene intima che deve essere regolare, ma non eccessiva. Una donna sana non ha bisogno di ricorrere alle lavande vaginali che potrebbero addirittura alterare i normali equilibri batteriologici vaginali; la pulizia dopo la defecazione deve essere effettuata facendo attenzione di pulirsi dalla vagina verso la zona anale e non al contrario al fine di non contaminare la vulva con batteri fecali. Il completamento della profilassi passa attraverso l'eliminazione degli indumenti intimi sintetici e di quelli eccessivamente aderenti e attraverso l'utilizzo delle barriere protettive durante i rapporti sessuali, in particolar modo se di tipo occasionale.

http://www.albanesi.it/Salute/Sintomi/perdite_vaginali.htm




Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585


IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020
Vedere l'argomento precedenteTornare in altoVedere l'argomento seguente
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum