Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica
Oggi siamo in 3003
Community fondata da
Elena Tione
la Dom 17 Ott 2010, 23:42
online da 2744
giorni
☎ 06.92 91 97 52 (r. a. segreteria telefonica)
Condividi
Andare in basso
avatar
Aida Blanchett

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS
Qualifica professionale Qualifica professionale :
Master Mind-Body Coach & Trainer per donne con dolore pelvico

Esci dal dolore ed Entra nella Tua Vita (c)!
Scarica gratis Kit Starter Ben-Essere

www.aidablanchett.com/mindbodynews



Vieni a trovarmi anche su Fb? :)
www.facebook.com/AidaBlanchettHealthyLifeCoach

Messaggi : 16130
Iscritto il : 17.10.10
Anno di nascita : 1977
Provincia di residenza : Roma
Comune : Roma
Storia personale Storia personale : • LA MIA STORIA e la fondazione di VULVODINIA.INFO e VULVODINIA.INFO ONLUS


Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585

IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO ONLUS non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO ONLUS si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO ONLUS non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.


U.E. - Batteri resistenti ai farmaci. 25.000 morti ogni anno • VULVODINIA.INFO

il Ven 25 Nov 2011, 12:48
U.E. - Batteri resistenti ai farmaci. 25.000 morti ogni anno
Ogni anno in Europa si contano circa 25.000 decessi causati da infezioni provocate da batteri resistenti ai farmaci, con un costo, in spese sanitarie e perdite di produttività, che si stima superiore a 1,5 miliardi di lire. Un quadro preoccupante illustrato oggi a Bruxelles dal commisario europeo alla salute Jhon Dalli che, insieme alla collega per la ricerca e l'innovazione Maire Geoghegan Quinn, hanno lanciato un appello affinche' si metta fine a quello che e' considerato un vero e proprio 'abuso' degli antibiotici da parte delle persone, ma anche sugli animali. Antibiotici che finiscono nella catena alimentare.
'L'uso degli antibiotici negli animali - ha sottolineato con forza Dalli - colpisce gli esseri umani attraverso il cibo che consumano di quegli animali. In questo modo si accelera la mutazione di batteri intelligenti che a loro volta lottano contro l'antibiotico'. Al riguardo Dalli ha annunciato che si sta studiando la possibilita' di vietare l'utilizzo negli animali di antibiotici utilizzati per le persone.
Per correre ai ripari infatti Bruxelles ha oggi lanciato un piano quinquennale che prevede dodici azioni specifiche per contribuire, in primo luogo, a modificare la 'cultura' del ricorso agli antibiotici che ancora esiste presso medici, pazienti e negli ospedali, soprattutto nei Paesi del Sud dell'Europa, in particolare Grecia, Italia e Spagna. In materia di salute animale, si punta quindi ad elaborare una nuova legislazione che metta l'accento sulla prevenzione rafforzando il sistema di sorveglianza della resistenza agli antibiotici e il consumo di antimicrobici in medicina veterinaria.
Cosi', alla vigilia della Giornata europea degli antibiotici, Dalli mette in guardia: 'Dobbiamo agire rapidamente e con decisione se vogliamo che i farmaci antimicrobici restino un trattamento efficace contro le infezioni batteriche nell'uomo e negli animali'.
Geoghegan Quinn, ricordando che nell'Ue 600 milioni di euro sono destinati alla ricerca per nuovi farmaci antimicrobici, ha aggiunto che 'investire nella ricerca e nell'innovazione significa assicurare ai pazienti le migliori cure possibili' grazie anche ad una maggiore cooperazione con l'industria'.


Fonte: Aduc Salute




Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585


IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020
Tornare in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum