Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica
Oggi siamo in 2804
Community fondata da
Elena Tione
la Dom 17 Ott 2010, 23:42
online da 2593
giorni
☎ 06.92 91 97 52 OGNI LUNEDI
h 20-21
Condividere
Vedere l'argomento precedenteAndare in bassoVedere l'argomento seguente
avatar
michelle87
Sostenitrice 2017

Sostenitrice 2017
Messaggi : 486
Iscritto il : 21.11.13
Anno di nascita : 1987
Provincia di residenza : Grosseto
Storia personale Storia personale : https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1552-la-mia-storia-con-la-vulvodinia-michelle87

Socia 2017

AGENAS: Intervento di ‪Bevere‬ sulla Giornata di studi sulle Scienze comportamentali

il Ven 27 Mar 2015, 15:30
Sintesi dell'intervento del Direttore Generale, Francesco Bevere, sulla Giornata di studi su "Scienze comportamentali per un nuovo modello di amministrazione: sfide e obiettivi".

"Abbiamo creduto troppo alle sole capacità di curare il sintomo e la malattia, riducendo il corpo ed il volto dell’ammalato a divenire un luogo fisico, svuotato della sua storia di persona, con suoi sentimenti, le sue emozioni, i suoi misteri, la sua intimità più profonda ed anche se sempre più persone guariscono, descrivono l’esperienza ospedaliera come deludente dal punto di vista dei contatti umani. E questo non lo definirei un successo dell’organizzazione, se non di uno dei profili dell’organizzazione ospedaliera. Non dobbiamo pensare al Servizio Sanitario Nazionale come ad un luogo burocratico, ma ad una realtà che deve essere in grado di garantire sicurezza e specialità delle cure, ma anche conforto, accoglienza umana, comprensione e sostegno. Soltanto una organizzazione con queste caratteristiche sarà in grado di contenere, di gestire esperienze così difficili per chi ci lavora e così dolorose per chi le vive a causa di una malattia o della perdita di una persona cara".

È quanto ha dichiarato Il Direttore Generale dell’Agenas, Francesco Bevere, intervenendo alla giornata di studi su "Scienze comportamentali per un nuovo modello di amministrazione: sfide e obiettivi", promossa dalla Scuola Nazionale dell’Amministrazione, in collaborazione con la LUISS Università Guido Carli.

"Il nostro sistema sanitario è tra i primi al mondo ed in Europa dal punto di vista della qualità e dei risultati in termini tecnico-specialistici, ma più vulnerabile dal punto di vista della sua capacità di comunicare e di interagire con i cittadini, con gli ammalati e con i loro familiari, avendo trascurato l'utilizzo di buona parte delle discipline che afferiscono alle "scienze comportamentali", proprio quelle che contribuiscono a conoscere i meccanismi che attivano ed influenzano i comportamenti dei diversi gruppi sociali. - ha proseguito Bevere - Il sistema sanitario ha perso la capacità di "ascoltare", essenziale per rendere continuamente migliorabile una realtà organizzativa così articolata, personalizzata e complessa come quella della sanità. Dobbiamo lasciarci stupire e meravigliare non soltanto dal successo del progresso scientifico, tecnologico e dei nuovi farmaci, ma dalla ricchezza interiore delle persone che partecipano o subiscono tutto questo".

Anche in quest’ottica, ha sottolineato Bevere "l’AGENAS ha firmato un protocollo d’intesa con la SNA, per sviluppare un progetto formativo per operatori della sanità impegnati in ambienti di elevata complessità, un percorso che comprende anche moduli specifici, per l’approfondimento dei temi dell’umanizzazione delle cure, della comunicazione e dei comportamenti nei luoghi di cura".
(n.d.r. grassetti miei)

Fonte
Testo Integrale dell'intervento di Bevere
Programma della giornata di studi
Vedere l'argomento precedenteTornare in altoVedere l'argomento seguente
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum