Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica
Oggi siamo in 2731
Community fondata da
Elena Tione
la Dom 17 Ott 2010, 23:42
online da 2529
giorni
☎ 06.92 91 97 52 OGNI LUNEDI
h 20-21
Condividere
Vedere l'argomento precedenteAndare in bassoVedere l'argomento seguente
avatar
Aida Blanchett

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS
Qualifica professionale Qualifica professionale :
Master Mind-Body Coach & Trainer per donne con dolore pelvico, fibromialgia, dolore cronico, stress management, best life design. Contatti
www.AidaBlanchett.com


Messaggi : 16117
Iscritto il : 17.10.10
Anno di nascita : 1977
Provincia di residenza : Roma
Comune : Roma
Storia personale Storia personale : • LA MIA STORIA e la fondazione di VULVODINIA.INFO e VULVODINIA.INFO ONLUS


Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585

IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO ONLUS non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO ONLUS si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO ONLUS non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.


Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Dom 31 Ott 2010, 23:42


ascoltate la professoressa Graziottin: ascolta cliccando qui


e questo breve brano:


L'ecosistema vaginale: un ambiente densamente popolato

Tanti abitanti che convivono in armonia

La zona intima non è sterile, né asettica, anzi. È un’area densamente popolata, dove convivono pacificamente numerose popolazioni di microrganismi che – insieme – costituiscono quello che i medici chiamano ecosistema flora vaginale.
Un perfetto meccanismo di pesi e contrappesi consente che abitanti di “razze” anche molto diverse, alcune potenzialmente in conflitto fra loro (come funghi e batteri), riescano a stare a stretto contatto non solo senza farsi la guerra, ma condividendo il medesimo ambiente in perfetta armonia.
Fino a quando regna la pace, la zona intima sta bene, è forte, pronta a respingere attacchi esterni e ad affrontare con successo anche i problemi interni.
Poiché però si tratta pur sempre di una convivenza delicata, madre natura ha predisposto che la zona intima sia costantemente pattugliata da veri e propri guardiani dell’ecosistema: i cosiddetti bacilli di Doederlein, meglio noti come lattobacilli, i veri artefici dell’equilibrio vaginale.
Il loro compito, infatti, non si limita a sorvegliare l’area e a vegliare sull’ordine e sui rapporti di buon vicinato tra i vari componenti della flora vaginale: i lattobacilli fanno ben di più, partecipando attivamente alla creazione di un ambiente locale ostile ai nemici esterni.

I guardiani della zona intima
Sono i bacilli di Doederlein, chiamati anche lattobacilli, a garantire la convivenza pacifica dei microrganismi che costituiscono la flora vaginale. Ma come riescono a portare a termine questa “missione impossibile”?
Attraverso la produzione copiosa (e, soprattutto, costante) dell’elisir di lunga salute per la zona intima: l’acido lattico, la sostanza che ha il compito chiave di assicurare la giusta acidità (cioè un pH compreso tra 3,5 e 5,5) nell’ambiente vaginale.
Un ambiente sufficientemente acido, infatti, rappresenta l’ostacolo più efficace alla colonizzazione di batteri “cattivi”, che potrebbero perturbare l’equilibrio dell’ecosistema. • Attenzione, però. La produzione di acido lattico è strettamente legata alla quantità di glicogeno (zucchero) presente nel tessuto vaginale, e il glicogeno a sua volta subisce l’influenza degli ormoni estrogeni.
Ecco perché ad alterare più di frequente il pH locale (e, dunque, l’intero ecosistema vaginale) sono proprio le variazioni ormonali, le cui “bizze” comportano una serie di conseguenze a cascata: assottigliamento dei tessuti, abbassamento delle difese naturali locali e proliferazione selvaggia di alcuni microrganismi a spese di altri.
È utile precisare subito, però, che le fluttuazioni ormonali non sono certo le uniche “ attentatrici” dell’equilibrio vaginale. Il sistema difensivo locale, per esempio, subisce pesanti contraccolpi anche dall’utilizzo prolungato di certi farmaci, da una scorretta igiene personale e persino da una cattiva alimentazione.

L’importanza del pH vaginale
La zona intima è davvero protetta dagli agenti patogeni esterni e dalle alterazioni interne solo se il suo pH è equilibrato, cioè esclusivamente se il livello di acidità locale è compreso tra 3,4 e 5,5.  
La sigla pH indica la concentrazione dello ione idrogeno H in una sostanza o tessuto corporeo; il pH che va da 0 a 6 è acido, 7 è neutro, mentre valori da 8 a 14 indicano un pH alcalino (o basico).
L’acidità locale, però, oltre a essere influenzata da diversi fattori (come il cibo, lo stress, lo stile di vita), varia a seconda delle fasi della vita della donna, con dirette ripercussioni sulla predisposizione alle infezioni o ad altri disturbi intimi.
Nell’infanzia
Fino alla pubertà, nell’organismo femminile circolano ben pochi estrogeni (gli ormoni femminili prodotti dall’ovaio, che regolano il ciclo mestruale) e, quindi, anche la presenza di glicogeno (zucchero) nelle mucose è piuttosto scarsa.
E i lattobacilli? Sono assenti: il pH vaginale, di conseguenza, non può essere acido, bensì neutro.
Ecco il motivo per il quale, a differenza di quanto si crede, questa fase della vita è particolarmente a rischio di vaginiti e infezioni: l’apparato genitale non beneficia ancora di un sistema efficace di autodifesa.
Nell’età fertile
Gli estrogeni, gli ormoni in rosa per eccellenza, sono presenti in abbondanza. La loro azione è responsabile di un aumento del volume delle mucose, particolarmente ricche di glicogeno (zucchero).
Tanto glicogeno significa tanti lattobacilli, che vanno ad acidificare il pH vaginale, il quale – in condizioni di equilibrio generale – si assesta, infatti, intorno a 3,5-4,5.
Solo durante il ciclo mestruale, l’acidità tende a ridursi leggermente a causa di quella sorta di “lavaggio” naturale effettuato dalle mestruazioni; per questa ragione, i giorni successivi al ciclo sono particolarmente a rischio di infezioni. Durante la gravidanza Gli ormoni estrogeni schizzano alle stelle, con conseguenze facilmente intuibili: un maggiore aumento di volume della mucosa vaginale, così come la quantità di glicogeno e di lattobacilli, che raggiunge l’apice.
Va da sé che il pH vaginale diventi ancora più acido, raggiungendo valori intorno a 3,5.
In menopausa
È una fase molto delicata della vita di ogni donna. Nel climaterio gli estrogeni vengono prodotti a singhiozzo, poi la produzione di questi preziosi ormoni si fa sempre più irregolare, fino a scomparire quasi del tutto con la menopausa vera e propria.
Le conseguenze locali non si fanno attendere: la mancanza di estrogeni si traduce in scarso glicogeno e in una mucosa via via più atrofizzata, povera, sottile, a corto di nutrimento.
Stessa sorte per i lattobacilli, che pian piano diminuiscono, fino a latitare quasi del tutto. Il pH, senza bacilli di Doederlein, perde progressivamente acidità fino a raggiungere livelli vicino al neutro (intorno a 7).
Il prezzo da pagare non è solo un maggior rischio di infezioni, ma anche fastidio e secchezza locali, disturbi infatti molto frequenti in questo periodo.

I nemici della zona intima non arrivano solo dall’esterno. Ci sono una serie di cause, in linguaggio tecnico definite “endogene”, che hanno origine dall’organismo stesso.
In parole semplici, in questi casi il disturbo intimo non è scatenato da un fungo, un batterio o virus che sferra il suo attacco dall’esterno, ma dall’alterazione dell’equilibrio che di solito vige nella flora vaginale e che garantisce una convivenza pacifica alle tribù di microrganismi residenti nella zona.
Quando questa convivenza armonica viene perturbata, un gruppo di inquilini – da pacifico e socievole che era – diventa di colpo aggressivo, si moltiplica e prende il sopravvento sugli altri inquilini, accendendo un’infezione o un’infiammazione. Ecco i perturbatori dell’ordine… intimo.
Le variazioni ormonali
Del tutto naturali, come in gravidanza o in menopausa, oppure indotte, per esempio dall’uso di contraccettivi (pillola) o di certi farmaci, le fluttuazioni ormonali accompagnano la vita di ogni donna.
In Gravidanza
Poiché gli ormoni subiscono un’impennata e, in parallelo, aumenta la quantità di glicogeno nel tessuto mucoso che riveste la vagina, la futura mamma dovrebbe sentirsi alla grande.
Peccato, però, che le dosi generose di glicogeno facciano molta gola alla Candida, un fungo che trova nello zucchero (cioè il glicogeno) il suo nutrimento ideale. Anche il diabete gestazionale, poi, favorisce le candidosi: occhio ai dolci nei nove mesi, dunque!
In Menopausa
Il lento ma inarrestabile calo degli ormoni estrogeni erode i livelli sia di glicogeno sia di lattobacilli, che altro non sono che il sistema difensivo locale.
La Pillola
La quantità di estrogeni “artificiali” contenuti nel confetto più famoso del mondo è inferiore a quella di estrogeni naturali prodotti fisiologicamente dall’organismo. La mucosa vaginale, depauperata dal glicogeno, tende così a disidratarsi e il tessuto vaginale ad assottigliarsi, diventando più sensibile e vulnerabile alle infezioni.

I rischi se l'equilibrio si spezza
Quando qualcosa mina il delicato equilibrio che regna nell’ecosistema, si accende una strisciante guerra civile tra i suoi abitanti. Alla fine uno degli “inquilini” – un tempo pacifico e innocuo – diventa aggressivo e dannoso, si moltiplica in eccesso e può arrivare a imporre il suo dominio sugli altri microrganismi, aprendo le porte a un’infezione.
Naturalmente, un ecosistema alterato è anche maggiormente vulnerabile agli attacchi dei nemici esterni: se un virus o un batterio non trovano sul loro cammino un forte sistema difensivo che blocchi loro la strada, hanno campo libero per scatenare un’infezione. Ecco i disturbi più frequenti della zona intima quando la flora vaginale si trova in cattive acque.
Non solo vaginiti
Che si tratti di infiammazioni o di infezioni, i disturbi intimi che colpiscono il sesso debole di solito vengono chiamati genericamente vaginiti e, in effetti, il loro bersaglio principale è proprio la vagina.
Tuttavia, sarebbe più corretto distinguere tra vulviti, vestiboliti, cerviciti, vaginiti e vaginosi, differenza non solo di forma, ma anche di sostanza, visto che ogni termine definisce una zona precisa dei genitali femminili e che le terapie variano non poco a seconda dell'area colpita.
Nella vulvite il disturbo è delimitato alla vulva, la zona che comprende piccole e grandi labbra, monte di Venere e parte del perineo.
Se il problema tocca il “vestibolo”, cioè quella zona dalla mucosa particolarmente vulnerabile che è l'ingresso della vagina, si parla di vestibolite.
Nelle cerviciti, invece, l'infezione riesce salire in alto, fino a raggiungere il collo dell'utero (cioè la cervice).
Poi ci sono le vaginiti, infezioni che interessano tutta la vagina, ma anche le comunissime vaginosi, cioè le infezioni legate all'alterazione della flora batterica locale (l'ecosistema) e provocate dai batteri anaerobi (soprattutto Gardnerella vaginalis) non provenienti dall'esterno, ma abitanti della zona che alzano la cresta – diventando troppo potenti e prepotenti – quando l'ecosistema viene alterato.
In un ipotetico processo alle infezioni vaginali, gli indiziati principali sarebbero senza dubbio i rapporti sessuali troppo liberi e poco protetti, accusati di associazione a delinquere per le MST.
Sul banco degli imputati, però, il sesso promiscuo si ritroverebbe sicuramente in compagnia delle cattive abitudini igieniche, gravate da una sfilza di capi d’accusa da far impallidire anche il giudice più indulgente.
Ma anche se il “nostro” processo terminasse con l’incarcerazione dei colpevoli, le donne non potrebbero comunque dormire sonni tranquilli, perché i problemi intimi femminili non arrivano solo dall’esterno. Molto spesso, anzi, affondano le radici nell’organismo stesso, quando – per i motivi più disparati – il delicato equilibrio che regna nell’ambiente vaginale si spezza, permettendo a uno dei suoi abitanti di prendere il sopravvento sugli altri. Cosa può rompere questo patto di non belligeranza tra popolazioni di microrganismi che, di solito, convivono in perfetta armonia?
La “lista nera” è davvero lunga: le pessime abitudini personali, come l’abuso di lavande aggressive e l’uso di indumenti troppo attillati; i naturali cambiamenti ormonali che si manifestano in particolari periodi dell’esistenza di ogni donna, come la gravidanza o la menopausa; il caldo-umido che regna negli ambienti estivi per eccellenza, la spiaggia o la piscina, capace di creare il microclima ideale per la proliferazione di funghi e batteri; o ancora la necessità di prendere determinati farmaci, responsabili di abbassare le difese immunitarie generali, a spese degli ecosistemi particolari, come quelli intestinale e vaginale. Parte proprio dall’esplorazione dell’Ecosistema vaginale – zona così piccola, ma così preziosa e complessa dell’organismo femminile – il nostro viaggio verso una meta finale importante: conoscersi meglio, per essere in grado di proteggere davvero la propria zona intima da qualunque attacco: esterno o interno che sia.
Con la consulenza del dottor Filippo Murina, ginecologo a Milano


Ultima modifica di Aida il Mar 28 Ago 2012, 03:01, modificato 9 volte




Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585


IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020
avatar
Aida Blanchett

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS
Qualifica professionale Qualifica professionale :
Master Mind-Body Coach & Trainer per donne con dolore pelvico, fibromialgia, dolore cronico, stress management, best life design. Contatti
www.AidaBlanchett.com


Messaggi : 16117
Iscritto il : 17.10.10
Anno di nascita : 1977
Provincia di residenza : Roma
Comune : Roma
Storia personale Storia personale : • LA MIA STORIA e la fondazione di VULVODINIA.INFO e VULVODINIA.INFO ONLUS


Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585

IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO ONLUS non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO ONLUS si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO ONLUS non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.


L’importanza dell’acidità vaginale ❖ Vulvodinia.info

il Dom 31 Ott 2010, 23:47
L’importanza dell’acidità vaginale
Quest’ultima costituisce la difesa più importante: oltre a preservare l’integrità e l'elasticità delle mucose, infatti, protegge dalle infezioni esterne. Sappiamo che una buona acidità all’interno della vagina (il valore normale per l’acidità vaginale è un pH intorno a 4,0) è garanzia di protezione contro le alterazioni della naturale flora batterica e l’aggressione di germi patogeni.
Questi i principali fattori che alterano il delicato eco-sistema vulvo-vaginale:
modificazione del pH (l’innalzamento del pH vaginale favorisce la proliferazione di alcuni gruppi di microorganismi a sfavore di altri);
livello degli estrogeni (gli estrogeni modulano la presenza di alcuni microrganismi nell'ambiente vaginale);
contatto con elementi esterni (rapporti sessuali, igiene scarsa o inadeguata, uso di spirale e assorbenti interni possono favorire il passaggio di batteri);
stress (influisce negativamente sulle nostre difese immunitarie in generale e, in particolare, sugli equilibri della flora batterica vaginale).
Lavaggi genitali troppo frequenti (più di 2-3 volte al giorno) e/o l’uso di detergenti [qualunque detergente] rimuovono lo strato di sebo, essenziale per proteggere la superficie vulvo-vaginale, che è esposta continuamente a processi infiammatori causati da attacchi fisici (microtraumi) chimici (saponi, allergeni) e infettivi/infiammatori (batteri, funghi, parassiti e virus).
[Fonte: esseredonnaonline.it]


Ultima modifica di Aida il Mar 28 Ago 2012, 03:00, modificato 2 volte




Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585


IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020
avatar
Aida Blanchett

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS
Qualifica professionale Qualifica professionale :
Master Mind-Body Coach & Trainer per donne con dolore pelvico, fibromialgia, dolore cronico, stress management, best life design. Contatti
www.AidaBlanchett.com


Messaggi : 16117
Iscritto il : 17.10.10
Anno di nascita : 1977
Provincia di residenza : Roma
Comune : Roma
Storia personale Storia personale : • LA MIA STORIA e la fondazione di VULVODINIA.INFO e VULVODINIA.INFO ONLUS


Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585

IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO ONLUS non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO ONLUS si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO ONLUS non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.


Acidophilina e acidolina: un potente mix antibiotico naturale ❖ Vulvodinia.info

il Gio 24 Feb 2011, 13:27


Ultima modifica di Aida il Mar 28 Ago 2012, 03:01, modificato 3 volte




Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585


IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020
avatar
Aida Blanchett

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS
Qualifica professionale Qualifica professionale :
Master Mind-Body Coach & Trainer per donne con dolore pelvico, fibromialgia, dolore cronico, stress management, best life design. Contatti
www.AidaBlanchett.com


Messaggi : 16117
Iscritto il : 17.10.10
Anno di nascita : 1977
Provincia di residenza : Roma
Comune : Roma
Storia personale Storia personale : • LA MIA STORIA e la fondazione di VULVODINIA.INFO e VULVODINIA.INFO ONLUS


Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585

IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO ONLUS non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO ONLUS si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO ONLUS non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.


Che cos'è l'ecosistema vaginale? E che cos'è esattamente il pH?

il Lun 16 Mag 2011, 18:22
Che cos'è l'ecosistema vaginale?
La vagina è l’organo interno, in forma di canale elastico, che unisce il collo dell’utero ai genitali esterni femminili. Il confine in basso verso la vulva è segnato dall’imene o dai suoi residui. Dopo la pubertà, la vagina è abitata da un ecosistema particolare, in cui le tribù dominanti sono costituite da microrganismi amici, utilissimi per la salute genitale, chiamati bacilli di Doderlein. Si tratta di una grande famiglia, composta da più di 40 ceppi diversi. Tutti producono acido lattico e perossido di idrogeno (H2O2), sostanze che contribuiscono a mantenere basso (intorno a 4) il pH vaginale. Producono inoltre sostanze chimiche (batteriocine, lactocine), “munizioni” biologiche che difendono ulteriormente l’ecosistema vaginale da germi invasori, specie di provenienza intestinale, quali l’Escherichia coli o l’Enterococcus faecalis. Questi possono altrimenti causare vaginiti e cistiti recidivanti.
La vagina svolge tre funzioni principali “dinamiche”, perché consente: a) il passaggio del sangue mestruale; b) i rapporti sessuali e c) la nascita del bambino nel parto naturale. Ha inoltre una funzione “statica” che è quella, per l’appunto, di ospitare l’ecosistema vaginale, di grande importanza per la salute genitale.
E che cos'è esattamente il pH?
È la misura che indica il grado di acidità (pH da 0 a 7) o di basicità (pH da 7 a 14) di liquidi e tessuti. Il pH condiziona molti fenomeni biologici. Un esempio semplice, in natura, è quello dell’ortensia: a seconda del grado di acidità del terreno (e del suo contenuto in ferro) il colore dei fiori vira dal rosa al blu. Lo stesso principio funziona per gli ecosistemi: a seconda del pH cambia la proporzione relativa dei diversi microrganismi che abitano, in questo caso, la vagina. Il pH condiziona il “terreno” biochimico dal quale dipende, tra l’altro, la composizione degli ecosistemi viventi. Per esempio, quando il pH vaginale sale dal normale pH 4 – tipico di una donna sana in età fertile – a pH 5 o 6, cambiano le tribù dominanti nell’ecosistema. Scompare o diventa marginale il bacillo di Doderlein. Aumenta invece un bacillo di solito minoritario, chiamato Gardnerella o Haemophilus, che provoca una fermentazione delle sostanze vaginali, causando lo sgradevole odore di “pesce avariato” che molte donne lamentano, e di cui lei soffre. La soluzione non è lavarsi venti volte al giorno, ma ri-normalizzare il pH! Un buon ginecologo dovrebbe sempre misurare il pH vaginale, perché questa misura ci dà un’immediata percezione del livello di estrogeni vaginali, dell’ecosistema normale e di possibili sue alterazioni.
La misurazione del pH è importante anche in gravidanza?
Certamente! Un pH vaginale inferiore a 4.5 è un segno importante che la gravidanza sta procedendo bene. All’opposto, l’aumento del pH vaginale, oltre il valore di 4.5, si associa ad un rischio significativamente più elevato di aborto e di parto prematuro. Questo perché la vaginosi, associata alla proliferazione della Gardnerella, può dare una lesione delle membrane amniotiche (amnionite) facilitandone la rottura.
E' giusto fare cure antibiotiche per eliminare la Gardnerella?
Non molto, perché questo germe è solo la punta dell’iceberg, la conseguenza, quindi, di alterazioni più importanti ormonali e biochimiche. E’ molto più saggio modificare in modo stabile quei fattori locali – come il livello estrogenico e il pH – dai quali dipendono l’integrità e la normalità dell’ecosistema vaginale. Quando i livelli estrogenici sono normali, e il pH è 4, ossia fisiologico, le proporzioni tra i diversi microrganismi di autodefiniscono spontaneamente e così si mantengono, in un equilibrio dinamico. Ecco perché agire sul terreno (su estrogeni e pH) è più vincente che non sparare con le bombe (gli antibiotici) su microrganismi in sé innocui, ma tenaci nel riprodursi (e causare guai) se il terreno su cui vivono è alterato. Per inciso, questa regolazione degli ecosistemi, lavorando sul terreno e i fattori predisponenti, è una grande metafora di come lavorare costruttivamente per l’integrazione delle popolazioni minoritarie e marginali anche nei macrosistemi degli umani. Lo insegnava bene Sun Tzu, nell’“Arte della guerra”: “Il miglior comandante non è colui che riporta cento vittorie su cento battaglie, ma colui che vince senza combattere...”. Appunto.
[Fonte: alessandragraziottin.it]


Ultima modifica di Aida il Dom 29 Apr 2012, 18:53, modificato 2 volte




Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585


IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020
avatar
Aida Blanchett

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS
Qualifica professionale Qualifica professionale :
Master Mind-Body Coach & Trainer per donne con dolore pelvico, fibromialgia, dolore cronico, stress management, best life design. Contatti
www.AidaBlanchett.com


Messaggi : 16117
Iscritto il : 17.10.10
Anno di nascita : 1977
Provincia di residenza : Roma
Comune : Roma
Storia personale Storia personale : • LA MIA STORIA e la fondazione di VULVODINIA.INFO e VULVODINIA.INFO ONLUS


Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585

IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO ONLUS non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO ONLUS si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO ONLUS non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.


Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Sab 21 Gen 2012, 13:18
I batteri probiotici, quelli buoni per noi, ci proteggono con vari meccanismi. Potenziano l' "effetto barriera" a protezione della mucosa intestinale, attuano la cosiddetta "esclusione competitiva" nei confronti dei germi patogeni, e incrementano la resistenza alla colonizzazione di questi ultimi.
I vari microorganismi "buoni" agiscono in armonia fra loro; in particolar modo i lattobacilli producono col loro metabolismo l'acido lattico scindendo i glucidi introdotti con l'alimentazione, e producono batteriocine. Delle batteriocine ne ho già parlato per quanto riguarda le nostre difese naturali vaginali: sono sostanze che hanno spiccata attività antibatterica e antimicotica (=antifungo), quindi contrastano la proliferazione dei germi potenzialmente patogeni.
I fermenti lattici vanno ad aderire alla mucosa intestinale e vaginale ancorandosi ai recettori qui presenti mediante adesine; in questo modo i potenziali patogeni non possono attecchire perché trovano i recettori delle membrane mucose già occupati, quindi non riescono ad "attaccarsi" alle pareti delle membrane intestinale e vaginale quindi vengono semplicemente eliminati.




Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585


IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020
Bitter



Messaggi : 20
Iscritto il : 03.06.13
Anno di nascita : 1990
Provincia di residenza : Trento
Storia personale Storia personale : https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1462-ho-aspettato-la-mezzanotte-ora-pero-si-scrive

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Sab 14 Dic 2013, 18:08
Buonasera, ho una domanda in merito all'inserimento dei lattobacilli!
Volevo semplicemente capire come mai, nello schema d'attacco è consigliato l'inserimento nel pre e post mestruo, ma va evitato nel periodo ovulatorio.
Ho capito che nei giorni antecedenti e posteriori al ciclo il ph vaginale cambia, ma è davvero Sconsigliato l'inserimento durante il periodo ovulatorio? ma semplicemente perché non c'è il bisogno oppure perché può avere delle "controindicazioni"?
Ringrazio in anticipo!
avatar
malvinas76



Messaggi : 119
Iscritto il : 24.10.13
Anno di nascita : 1976
Provincia di residenza : Cremona
Storia personale Storia personale : https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1556-soria-di-malvinas76

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Gio 02 Gen 2014, 09:44
Quali rischi si corrono in presenza di citolisi batterica da Doederlein? Immagino che il ph diventi molto acido.
A questo punto si possono subire attacchi da patogeni pur coi lattobacilli copiosi? O si determina solo un'infiammazione delle mucose data l'acidità?
Grazie
avatar
Innamorata86
Utente Senior

Utente Senior
Sito webhttp://chisechan86.deviantart.com/ http://www.flickr.com/photos/chisechan86/
Messaggi : 6760
Iscritto il : 17.03.11
Anno di nascita : 1986
Provincia di residenza : Imperia
Comune : Imperia
Storia personale Storia personale : https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1093-la-storia-di-innamorata



Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Dom 05 Gen 2014, 19:44
-@ infimmazione data da uno squilibrio della flora batterica.

-@ è sempre meglio evitare il periodo ovulatorio a causa dell'influsso ormonale.
avatar
bebi



Messaggi : 12
Iscritto il : 10.04.13
Anno di nascita : 1970
Provincia di residenza : Bologna
Storia personale Storia personale : https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1426-storia-di-bebi

gardnerella recidiva

il Gio 04 Dic 2014, 22:26
Ciao a tutte, da mesi cerco di liberarmi della gardnerella (ho usato e alternato per circa 3 mesi lenicand, dicolfor elle e acidif cv, yogurt e lactonorm), ma il risultato del tampone è sempre con flora assente e gardnerella presente. Come ne posso uscire?

Grazie!
avatar
Aida Blanchett

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS
Qualifica professionale Qualifica professionale :
Master Mind-Body Coach & Trainer per donne con dolore pelvico, fibromialgia, dolore cronico, stress management, best life design. Contatti
www.AidaBlanchett.com


Messaggi : 16117
Iscritto il : 17.10.10
Anno di nascita : 1977
Provincia di residenza : Roma
Comune : Roma
Storia personale Storia personale : • LA MIA STORIA e la fondazione di VULVODINIA.INFO e VULVODINIA.INFO ONLUS


Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585

IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO ONLUS non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO ONLUS si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO ONLUS non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.


Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Lun 29 Dic 2014, 21:20
Rinforzando i lattobacilli agendo prima ancora sul corretto pH. Insisti, i risultati ci saranno. Facci sapere come va!  ;)




Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585


IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020
avatar
Mangrovia



Messaggi : 16
Iscritto il : 24.11.11
Anno di nascita : 1985
Provincia di residenza : Padova
Storia personale Storia personale : https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t884-ci-sono-anche-io-help

Recidiva di Candida:consigli

il Sab 17 Gen 2015, 12:23
ciao a tutte :) !è da molto che nn scrivo...ma mi piacerebbe avere un vostro consiglio a riguardo...prima di natale mi son beccata una brutta influenza intestinale che mi ha scatenato una nuova infezione di candida...quindi super riacutizzazione della vulvodinia (bruciori e pruriti fortissimi e brutta dermatite).Sono anni che ne soffro con alti e bassi ma andava discretamente prima di questa influenza (avevo l' ureaplasma che non riesco a levarmi di dosso...e candida non l'avevo da anni). L'intestino è il mio punto debole, son anni che ho una alimentazione il più possibile sana ma non basta, in passato ho avuto molte infezioni intestinali,anche parassiti presi viaggiando e ora mi rimane sempre una disbiosi per quanti fermenti prenda. Ho iniziato lo schema di attacco da 12 gg con lenicand yogurt normogin ecc. anche kolorex da 2 gg ) ma dopo 15-20 gg ho sempre bruciore e perdite  come da candida (ma le avevo anche prima forse dipendono dall'infiammazione)-cmq lunedi vado a farmi un'altro tampone. ora ho smesso con il normogin per qualche gg.(cmq io nn so mai quando vado in ovulazione perchè ho il ciclo irregolare).secondo voi continuo cosi? e se la candida non passa?non ce la faccio proprio più!! shock

ps: son stata in cura con Pesce ma poi ho smesso di prendere farmaci e quindi non son piu andata, dovevo iniziare la cura con la Spano ma con l'ureaplasma che va e viene nn posso farla. ..  hurted

Grazie Grazie mille!
avatar
erika1986
Utente Senior

Utente Senior
Qualifica professionale Qualifica professionale : Ostetrica
Messaggi : 395
Iscritto il : 02.01.11
Anno di nascita : 1986
Provincia di residenza : Brescia
Storia personale Storia personale : https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t364-la-mia-storia

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Sab 10 Ott 2015, 08:08
Ciao ragazze...HELP :(

Ho continui episodi di candida e oggi ho scoperto di avere la Gardnerella!! io sto già facendo da tempo una lunga cura con fermenti lattici (lenicand, fg5, probinul, dicoflor elle ecc......) ed inserisco lo yogurt in vagina; il problema è che non riesco ad aumentare la flora lactobacillare!! ho appena rifatto un tampone e nonostante le cure il risultato è: FLORA LACTOBACILLARE TOTALMENTE ASSENTE. shock

cosa mi consigliate oltre a yogurt e fermenti? sono davvero distrutta....e ora dal pap-tes viene segnalata la Gardnerella!! come la curo visto che quello che sto già facendo non funziona??? il mio problema è sempre l'assenza totale di lactobacilli (e credo sia quello che mi causa gardnerella e candide)... magari alterno lo yogurt con lactonorm/normogi/acidif cv? quale tra questi mi consigliate?
sono a terra perchè niente mi fa effetto...ieri ho passato la giornata a piangere perchè sono mesi e mesi che mi curo ma niente fa effetto muro

scusate tanto per le domande...ma davvero mi sento persa.

grazie di cuore, un abbraccio a tutte voi baci
avatar
alechim



Messaggi : 282
Iscritto il : 17.02.15
Anno di nascita : 1975
Provincia di residenza : Varese
Storia personale Storia personale : La mia Scheda https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1858-la-mia-scheda-personale

La mia SP: https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1861-ciao-mi-presento

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Sab 10 Ott 2015, 14:25
Non sò se sono tra i rimedi proposti sul forum, a me li prescrisse la dott Cirillo e mi trovai molto bene, ovviamente è tutto molto soggettivo:
flaconi vaginali agena blocagin per 10 gg, poi a giorni alterni per una settimana e poi due a settimana fino a quando non riesci a ripristinare i lattobacilli. Se devi ripetere i tamponi devi sospenderli per qualche giorno. 
Spero tu riesca a risolvere 
free
avatar
Piccola78



Messaggi : 514
Iscritto il : 27.08.12
Anno di nascita : 1978
Provincia di residenza : Catanzaro
Storia personale Storia personale : https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1176-salve-a-tutti


• GRATIS
"Usare la Funzione Cerca è gratis e non inquina." (cit.)
Funzione Cerca!

• REGOLE
Rispetta il Regolamento della Comunità, rispetta Te Stessa:
Regolamento completo
Qui detestiamo dover fare richiami o bannare persone, non ci piace: è pesante emozionalmente e mentalmente per noi come Staff e per te come Utente pertanto per favore:
impegnati a creare e mantenere un clima sereno. Questo aiuta la guarigione


Faber Est Suae Quisque Fortunae: "Ognuna è Artefice del proprio Destino".

Leggi il Regolamento completo e aggiornato.

❢ GIORNI DI SCRITTURA E DI LETTURA
Il Forum apre ogni martedì, giovedì, sabato e domenica. Nei restanti giorni è in sola lettura, per permettere a te di leggere le informazioni e per dare il tempo allo Staff di rispondere a tutta l'Utenza.

• CONTATTI
Modulo di Contatto Staff

• Sezione NULLA PER SCONTATO
Non dare per scontata la presenza di un luogo virtuale come questo.
È un atto di solidarietà. Aiuta l'informazione e il sostegno alle altre donne.
Diventa Sostenitore.

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO ONLUS non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO ONLUS si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO ONLUS non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.

• RICONOSCIMENTO della VULVODINIA dal MINISTERO della SALUTE • VULVODINIA.INFO
CAMBIA le cose in ITALIA! Aida si è impegnata da tempo per far riconoscere la patologia dal Ministero della Salute. Il Prof. Francesco Bevere, Direttore Generale dell’Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, è figura sensibile alle tematiche del femminile: Aida lo ha incontrato per prima e con lui ha dialogato in persona il 22 febbraio 2013 presso la sede centrale del Ministero in Roma. Il Prof. Bevere ci ha aiutato ad accelerare l'iter di Riconoscimento Ufficiale della Sindrome da parte del Servizio Sanitario Nazionale e ha rassicurato: non siamo più sole! Da questo Sito sono nati e partiti molti progetti. Il Prof. Bevere suggerisce di renderci più visibili e per questo abbiamo bisogno anche di te: SOSTIENICI! Il tuo aiuto è prezioso!



Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Sab 10 Ott 2015, 14:44
No alle lavande! Va bene sia lo yogurt che i fermenti vaginali in capsule. Per ripristinare la flora ci vuole tempo. Continua sia a livello intestinale che locale. Le lavande non vanno bene, lo diciamo sempre, perché tolgono la flora buona e anche se vendono lavande con lactobacilli, non rimangono in vagina nella giusta quantità a differenza delle capsule che si sciolgono piano piano e hanno più "presa". Pazienza e non innervosirti, fa male allo stomaco e all'intestino e lì alberga una grande percentuale di difese immunitarie!!!
avatar
erika1986
Utente Senior

Utente Senior
Qualifica professionale Qualifica professionale : Ostetrica
Messaggi : 395
Iscritto il : 02.01.11
Anno di nascita : 1986
Provincia di residenza : Brescia
Storia personale Storia personale : https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t364-la-mia-storia

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Sab 10 Ott 2015, 15:19
Grazie mille.... Allora non mi preoccupo e piano piano la sconfiggerò! E' molto stressante perché sto cercando una gravidanza e ho sempre problema di lactobacilli e infezioni...per di più la gardnerella non me l'aspettavo!
allora ok, niente lavande e vado avanti con yogurt in vagina e fermenti lattici per via orale! Volevo prendere anche normogin o lactonorm...magari li alterno allo yogurt? Quale dei due mi consigli? Li uso solo prima della mestruazione?
purtroppo i medici tendono a prescrivere medicinali e io vorrei evitarli assolutamente...e con voi e' bello confrontarmi!!
grazie ancora!
avatar
Piccola78



Messaggi : 514
Iscritto il : 27.08.12
Anno di nascita : 1978
Provincia di residenza : Catanzaro
Storia personale Storia personale : https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1176-salve-a-tutti


• GRATIS
"Usare la Funzione Cerca è gratis e non inquina." (cit.)
Funzione Cerca!

• REGOLE
Rispetta il Regolamento della Comunità, rispetta Te Stessa:
Regolamento completo
Qui detestiamo dover fare richiami o bannare persone, non ci piace: è pesante emozionalmente e mentalmente per noi come Staff e per te come Utente pertanto per favore:
impegnati a creare e mantenere un clima sereno. Questo aiuta la guarigione


Faber Est Suae Quisque Fortunae: "Ognuna è Artefice del proprio Destino".

Leggi il Regolamento completo e aggiornato.

❢ GIORNI DI SCRITTURA E DI LETTURA
Il Forum apre ogni martedì, giovedì, sabato e domenica. Nei restanti giorni è in sola lettura, per permettere a te di leggere le informazioni e per dare il tempo allo Staff di rispondere a tutta l'Utenza.

• CONTATTI
Modulo di Contatto Staff

• Sezione NULLA PER SCONTATO
Non dare per scontata la presenza di un luogo virtuale come questo.
È un atto di solidarietà. Aiuta l'informazione e il sostegno alle altre donne.
Diventa Sostenitore.

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO ONLUS non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO ONLUS si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO ONLUS non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.

• RICONOSCIMENTO della VULVODINIA dal MINISTERO della SALUTE • VULVODINIA.INFO
CAMBIA le cose in ITALIA! Aida si è impegnata da tempo per far riconoscere la patologia dal Ministero della Salute. Il Prof. Francesco Bevere, Direttore Generale dell’Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, è figura sensibile alle tematiche del femminile: Aida lo ha incontrato per prima e con lui ha dialogato in persona il 22 febbraio 2013 presso la sede centrale del Ministero in Roma. Il Prof. Bevere ci ha aiutato ad accelerare l'iter di Riconoscimento Ufficiale della Sindrome da parte del Servizio Sanitario Nazionale e ha rassicurato: non siamo più sole! Da questo Sito sono nati e partiti molti progetti. Il Prof. Bevere suggerisce di renderci più visibili e per questo abbiamo bisogno anche di te: SOSTIENICI! Il tuo aiuto è prezioso!



Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Sab 10 Ott 2015, 16:44
Io ho usato i normogin e mi sono trovata bene. Puoi alternarli allo yogurt. Puoi metterli quando vuoi, io eviterei proprio in prossimità delle mestruazioni, e usa sempre un lubrificante per inserirli! Tienici aggiornate!
avatar
alechim



Messaggi : 282
Iscritto il : 17.02.15
Anno di nascita : 1975
Provincia di residenza : Varese
Storia personale Storia personale : La mia Scheda https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1858-la-mia-scheda-personale

La mia SP: https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1861-ciao-mi-presento

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Sab 10 Ott 2015, 16:46
Il prodotto cui facevo riferimento io non è una lavanda ( ma esistono anche le lavande), ma "un Dispositivo Medico in bustine (stick) per idrogel ad uso vaginale a base di gelificante gomma di tara e microrganismi probiotici Lactobacillus fermentum LF 11 e Lactobacillus salivarius CRL 1328 con frutto-oligosaccaridi (FOS) e arabinogalattano". Che poi non vada bene lo stesso è un altro discorso.  :)
avatar
Aida Blanchett

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS
Qualifica professionale Qualifica professionale :
Master Mind-Body Coach & Trainer per donne con dolore pelvico, fibromialgia, dolore cronico, stress management, best life design. Contatti
www.AidaBlanchett.com


Messaggi : 16117
Iscritto il : 17.10.10
Anno di nascita : 1977
Provincia di residenza : Roma
Comune : Roma
Storia personale Storia personale : • LA MIA STORIA e la fondazione di VULVODINIA.INFO e VULVODINIA.INFO ONLUS


Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585

IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO ONLUS non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO ONLUS si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO ONLUS non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.


Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Dom 11 Ott 2015, 18:43
Grazie @alechim ho sistemato ora non preoccuparti. In merito alle novità, controllate sempre che siano a INCI ok - per chi è nuova: funzione cerca, digitare "INCI". Per le nuove e le meno nuove: nelle Linee Guida c'è la risposta a tutte queste domande, e molto di più. Vi aspettano ;)




Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585


IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020
avatar
Piccola78



Messaggi : 514
Iscritto il : 27.08.12
Anno di nascita : 1978
Provincia di residenza : Catanzaro
Storia personale Storia personale : https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1176-salve-a-tutti


• GRATIS
"Usare la Funzione Cerca è gratis e non inquina." (cit.)
Funzione Cerca!

• REGOLE
Rispetta il Regolamento della Comunità, rispetta Te Stessa:
Regolamento completo
Qui detestiamo dover fare richiami o bannare persone, non ci piace: è pesante emozionalmente e mentalmente per noi come Staff e per te come Utente pertanto per favore:
impegnati a creare e mantenere un clima sereno. Questo aiuta la guarigione


Faber Est Suae Quisque Fortunae: "Ognuna è Artefice del proprio Destino".

Leggi il Regolamento completo e aggiornato.

❢ GIORNI DI SCRITTURA E DI LETTURA
Il Forum apre ogni martedì, giovedì, sabato e domenica. Nei restanti giorni è in sola lettura, per permettere a te di leggere le informazioni e per dare il tempo allo Staff di rispondere a tutta l'Utenza.

• CONTATTI
Modulo di Contatto Staff

• Sezione NULLA PER SCONTATO
Non dare per scontata la presenza di un luogo virtuale come questo.
È un atto di solidarietà. Aiuta l'informazione e il sostegno alle altre donne.
Diventa Sostenitore.

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO ONLUS non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO ONLUS si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO ONLUS non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.

• RICONOSCIMENTO della VULVODINIA dal MINISTERO della SALUTE • VULVODINIA.INFO
CAMBIA le cose in ITALIA! Aida si è impegnata da tempo per far riconoscere la patologia dal Ministero della Salute. Il Prof. Francesco Bevere, Direttore Generale dell’Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, è figura sensibile alle tematiche del femminile: Aida lo ha incontrato per prima e con lui ha dialogato in persona il 22 febbraio 2013 presso la sede centrale del Ministero in Roma. Il Prof. Bevere ci ha aiutato ad accelerare l'iter di Riconoscimento Ufficiale della Sindrome da parte del Servizio Sanitario Nazionale e ha rassicurato: non siamo più sole! Da questo Sito sono nati e partiti molti progetti. Il Prof. Bevere suggerisce di renderci più visibili e per questo abbiamo bisogno anche di te: SOSTIENICI! Il tuo aiuto è prezioso!



Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Lun 12 Ott 2015, 14:29
alechim avevo capito fossero lavande, se non lo sono, meglio così!!! ;)
avatar
erika1986
Utente Senior

Utente Senior
Qualifica professionale Qualifica professionale : Ostetrica
Messaggi : 395
Iscritto il : 02.01.11
Anno di nascita : 1986
Provincia di residenza : Brescia
Storia personale Storia personale : https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t364-la-mia-storia

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Mar 13 Ott 2015, 09:43
Grazie piccola78, sei gentilissima e mi sento molto molto meglio! Ho preso stamattina i normogin ma mi fanno un po' impressione....sono rigidissime....cavolo, spero si sciolgano presto :)
alechim, grazie anche a te per il consiglio!! Speriamo di debellarla! In questi giorni faccio tampone vaginale e tampone cervicale e ti farò sapere. ..anche perché sono curiosa di sapere quale e' il mio Ph!

e' bellissimo potersi confrontare tra noi, questo forum e' un grande sostegno! ..so che esiste la funzione "cerca" e le linee guida le leggo e rileggo continuamente...ma e' molto utile potersi confrontare tra noi :D mr green
avatar
alechim



Messaggi : 282
Iscritto il : 17.02.15
Anno di nascita : 1975
Provincia di residenza : Varese
Storia personale Storia personale : La mia Scheda https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1858-la-mia-scheda-personale

La mia SP: https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1861-ciao-mi-presento

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Mar 13 Ott 2015, 20:41
piccola78 avevo capito che non ci eravamo capite, :)  tra l'altro non sono stata io precisa nel mio post, a specificare che si trattava di agena blocagin idrogel e non lavanda.
Comunque l'importante è chiarirsi e questo capita spesso nel forum bravo
avatar
Aida Blanchett

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS
Qualifica professionale Qualifica professionale :
Master Mind-Body Coach & Trainer per donne con dolore pelvico, fibromialgia, dolore cronico, stress management, best life design. Contatti
www.AidaBlanchett.com


Messaggi : 16117
Iscritto il : 17.10.10
Anno di nascita : 1977
Provincia di residenza : Roma
Comune : Roma
Storia personale Storia personale : • LA MIA STORIA e la fondazione di VULVODINIA.INFO e VULVODINIA.INFO ONLUS


Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585

IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO ONLUS non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO ONLUS si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO ONLUS non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.


Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Mar 13 Ott 2015, 21:03
@erika1986 bene per il #normogin, è citato da quando ho fondato il Forum ed è vero ciò che scrivi: è utile confrontarsi: è stato creato proprio per questo e sono molto felice che funzioni davvero. Non avevo idea che non le avessi mai provate in questi anni :) sì, sono rigidine purtroppo :( per quello ho da sempre specificato di inserirle con litri di #xanagel o altro #lubrificante a #INCI ok :) Un abbraccio :-*




Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585


IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020
avatar
erika1986
Utente Senior

Utente Senior
Qualifica professionale Qualifica professionale : Ostetrica
Messaggi : 395
Iscritto il : 02.01.11
Anno di nascita : 1986
Provincia di residenza : Brescia
Storia personale Storia personale : https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t364-la-mia-storia

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Mar 13 Ott 2015, 21:45
grazie admin  :)
non li ho mai potuto usare per i problemi che ho avuto (il mio blocco della penetrazione); poi da quando l'ho risolto ho messo sempre yogurt intero (come ho imparato dal forum) e mi sono trovata benissimo; ora volevo provare finalmente la compressa di normogin ma avevo un po' paura mr green
ebbene, l'ho appena inserita e e' stato facile (spero solo che si sciolga).
per il resto ho sempre è utilizzato lubrificanti consigliati, preservativi consigliati, ho attuato i vari consigli per l'igiene ecc...per me e' troppo utile!! Il confronto tra di noi e' importantissimo....a me ha aiutato molto.
grazie mille ancora
avatar
Aida Blanchett

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS
Qualifica professionale Qualifica professionale :
Master Mind-Body Coach & Trainer per donne con dolore pelvico, fibromialgia, dolore cronico, stress management, best life design. Contatti
www.AidaBlanchett.com


Messaggi : 16117
Iscritto il : 17.10.10
Anno di nascita : 1977
Provincia di residenza : Roma
Comune : Roma
Storia personale Storia personale : • LA MIA STORIA e la fondazione di VULVODINIA.INFO e VULVODINIA.INFO ONLUS


Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585

IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO ONLUS non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO ONLUS si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO ONLUS non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.


Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Mer 14 Ott 2015, 13:12
Ottimo tesoro @erika1986 facci sapere come procedi, ti abbracciamo :-*




Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585


IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020
avatar
Monica86



Messaggi : 7
Iscritto il : 03.10.15
Anno di nascita : 1986
Provincia di residenza : Trani

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Gio 05 Nov 2015, 14:08
Ragazze scusatemi, ho bruciori sotto la pancia e quando cerco di urinare mi devo schiacciare la vescica per far uscire la pipì sto usando saginil Crema ma quanto vedo non è utile per chi soffre di vulvodinia ho letto di un'altra crema ma non so come fare mi devo rivolgere al ginecologo per poterla cambiare oppure devo usare la crema che mi avete consigliato voi, sono un po impreparata relativamente a questa patologia ho scoperto di averla solo quindici giorni fa. grazie
avatar
Aida Blanchett

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS
Qualifica professionale Qualifica professionale :
Master Mind-Body Coach & Trainer per donne con dolore pelvico, fibromialgia, dolore cronico, stress management, best life design. Contatti
www.AidaBlanchett.com


Messaggi : 16117
Iscritto il : 17.10.10
Anno di nascita : 1977
Provincia di residenza : Roma
Comune : Roma
Storia personale Storia personale : • LA MIA STORIA e la fondazione di VULVODINIA.INFO e VULVODINIA.INFO ONLUS


Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585

IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO ONLUS non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO ONLUS si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO ONLUS non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.


Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Lun 09 Nov 2015, 00:05
@Monica86 io te la sconsiglio la saginil finché contiene sostanze no. Di questo ne parliamo da anni nel topic lubrificanti. In merito allo schiacciarti la pancia per urinare, è un classico di chi soffre di scoordinamento della muscolatura pelvica, ma di questo se ti va ne parliamo nella tua SP o nella cartella apposita.  OT! SOS Ti abbracciamo.




Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585


IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020
avatar
Monica86



Messaggi : 7
Iscritto il : 03.10.15
Anno di nascita : 1986
Provincia di residenza : Trani

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Mar 10 Nov 2015, 13:03
Grazie aida, ho bisogna solo di capire come si scrive nelle storie personali grazie di cuore
avatar
erika1986
Utente Senior

Utente Senior
Qualifica professionale Qualifica professionale : Ostetrica
Messaggi : 395
Iscritto il : 02.01.11
Anno di nascita : 1986
Provincia di residenza : Brescia
Storia personale Storia personale : https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t364-la-mia-storia

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Gio 19 Nov 2015, 15:24
bellissimi aggiornamenti: ciao ragazze!! Ho preso il Normogin dal nostro ultimo aggiornamento (inizialmente più volte a settimana, ora 1 o 2 a settimana) e per la prima volta ho fatto un tampone che e' risultato: Flora lattobacillare nella norma!!! Vi giuro, volevo piangere!! Ahahaha!
il ph e' 4.5 (come sempre..)
per me funziona molto più dello yogurt, mi sento veramente bene!!
pensavo di continuare a prenderlo (x prevenzione): che dite, continuo con 1 o 2 a settimana?
grazie dei consigli
Stellina93



Messaggi : 170
Iscritto il : 30.07.13
Anno di nascita : 1993
Provincia di residenza : Reggio Emilia
Storia personale Storia personale : https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1501-la-mia-storia

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Gio 19 Nov 2015, 21:45
Ottima notizia! yahoo Visto che ora però la flora c'è se fossi in te non lo metterei più di una volta a settimana, per non rischiare di andare in citolisi. A me era successo mettendo per troppo tempo il lactonorm :(
avatar
erika1986
Utente Senior

Utente Senior
Qualifica professionale Qualifica professionale : Ostetrica
Messaggi : 395
Iscritto il : 02.01.11
Anno di nascita : 1986
Provincia di residenza : Brescia
Storia personale Storia personale : https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t364-la-mia-storia

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Gio 26 Nov 2015, 10:44
grazie stellina!! si ok, una volta a settimana!
sono proprio felice...ho risolto un problema che andava avanti da tanto tempo!
avatar
Aida Blanchett

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS
Qualifica professionale Qualifica professionale :
Master Mind-Body Coach & Trainer per donne con dolore pelvico, fibromialgia, dolore cronico, stress management, best life design. Contatti
www.AidaBlanchett.com


Messaggi : 16117
Iscritto il : 17.10.10
Anno di nascita : 1977
Provincia di residenza : Roma
Comune : Roma
Storia personale Storia personale : • LA MIA STORIA e la fondazione di VULVODINIA.INFO e VULVODINIA.INFO ONLUS


Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585

IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO ONLUS non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO ONLUS si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO ONLUS non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.


Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Dom 29 Nov 2015, 01:34
@Monica86 leggi la Guida ;-) cliccami




Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585


IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020
avatar
alechim



Messaggi : 282
Iscritto il : 17.02.15
Anno di nascita : 1975
Provincia di residenza : Varese
Storia personale Storia personale : La mia Scheda https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1858-la-mia-scheda-personale

La mia SP: https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1861-ciao-mi-presento

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Mar 02 Feb 2016, 17:18
domanda da un milione di dollari fatta anche alla dott Coda (che mi ha risposto " non le so rispondere"):
perchè, nonostante la quantità di lattobacilli sia ottima, si riscontra un alta carica di klebsiella nel mio tampone? Qualcuno mi sa spiegare scientificamente cosa accade? Forse perchè ero appena nel post-mestruo e la quantità di estrogeni era "momentaneamente" più bassa del normale???
Stellina93



Messaggi : 170
Iscritto il : 30.07.13
Anno di nascita : 1993
Provincia di residenza : Reggio Emilia
Storia personale Storia personale : https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1501-la-mia-storia

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Mar 02 Feb 2016, 17:36
Vorrei poterti rispondere ma mi accodo allo tua domanda perchè riguarda anche me. Mi è venuta la candida (e non se ne va da 4 mesi) nonostante la mia flora lattobacillare risulti al massimo ++++.
Mi hanno solo detto che è un evento molto strano perchè i lattobacilli avrebbero dovuto proteggere l'ambiente :(
L'avevi già riscontrata altre volte la klebsiella?
avatar
marghev



Messaggi : 3
Iscritto il : 27.01.16
Anno di nascita : 198
Provincia di residenza : potenza

yogurt in vagina in gravidanza

il Mar 02 Feb 2016, 20:07
salve, vorrei sapere se secondo voi posso mettere lo yogurt in vagina essendo in gravidanza, premetto che avevo un po' di candida e la gine mi ha fatto inserire 2 ovuli di lorenil 600,
dovrei fare il tampone vaginale intorno al 12, cosa mi consigliate? ho misurato il ph e si aggira tra il 4,5/5
avatar
alechim



Messaggi : 282
Iscritto il : 17.02.15
Anno di nascita : 1975
Provincia di residenza : Varese
Storia personale Storia personale : La mia Scheda https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1858-la-mia-scheda-personale

La mia SP: https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1861-ciao-mi-presento

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Mar 02 Feb 2016, 21:35
no Stellina mai riscontrata la klebsiella. In generale mai riscontrati batteri in passato, solo la candida. 
A questo punto non è un evento strano visto che va accadendo piuttosto frequentemente in pazienti diversi. Bho!
avatar
Aida Blanchett

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS
Qualifica professionale Qualifica professionale :
Master Mind-Body Coach & Trainer per donne con dolore pelvico, fibromialgia, dolore cronico, stress management, best life design. Contatti
www.AidaBlanchett.com


Messaggi : 16117
Iscritto il : 17.10.10
Anno di nascita : 1977
Provincia di residenza : Roma
Comune : Roma
Storia personale Storia personale : • LA MIA STORIA e la fondazione di VULVODINIA.INFO e VULVODINIA.INFO ONLUS


Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585

IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO ONLUS non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO ONLUS si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO ONLUS non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.


Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Gio 04 Feb 2016, 00:31
Risposta da un miliardo di dollari per @alechim: il tampone è affettuato a un certo istante  e le fluttuazioni invece sono costanti. Cosa fa sì che poi, una volta ricolonizzato l'ecosistema, i microorganismi si ritarino da sé? Il tempo e una serie di fattori interni: se non impariamo a gestire lo stress dall'interno, possiamo reinserire quanti Doederlein vogliamo e acidificare, ma tutto si perpetra daccapo. Questa è la mia opinione come esperta mind-body e come donna che ha alle spalle 7 anni di volontariato e il contatto con migliaia di donne, oltre che la propria stessa storia di guarigione.
Siccome non è umano dare un tampone al giorno, l'idea è quella di scoprire come funzioniamo e di imparare a dare responsi con uno stato fisiologico diverso dal combatti o fuggi.
La compresenza dei microorganismi e la comparsa di nuovi: ne ho già viste molte volte di cose così. Candida, come? Lievito o ifa?  Il continuo ricorrere di un microorganismo piuttosto che un altro, o uno che si presenta quando non lo abbiamo mai testato prima.. e chi ci dice che non ci fosse mai stato se non lo possiamo leggere dall'esito di un test? Pensate fuori dal box!
Per @marghev: chiedi con fiducia alla tua ginecologa.




Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585


IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020
avatar
Daleia



Messaggi : 4
Iscritto il : 16.10.15
Anno di nascita : 1975
Provincia di residenza : Matera
Storia personale Storia personale : La mia Scheda:
La mia SP: https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t2122-la-mia-storia#76836

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Mar 22 Mar 2016, 13:25
Ragazze, finalmente risultato negativo dell'urinocoltura e del tampone vaginale, dopo tanto tanto tanto tempo :D :D :D .
Assenza di germi e miceti e flora saprofita presente. L'ultimo tampone, di 2 mesi fa, mi dava Escherichia Coli in numerosissime colonie (dopo Klebsiella, Streptococcus Agalatiae insieme e in forte carica batterica), ma per la prima volta non ho preso l'antibiotico, comunque prescrittomi. Ho rinforzato le difese dell'intestino con fermenti e cambiato abitudini di igiene intima (solo acqua) e assorbenti (solo di cotone). Ho assunto Ausilium (seguendo la cura datami dal carissimo Dott. De Angelis) per prevenire cistite e continuo a prendere una bustina dopo ogni rapporto. Unico problema nono Ph 5.5 misurato in occasione del tampone. Altoooo muro
Per abbassare ph sto utilizzando a sere alterne yogurt bianco con fermenti diversi ogni volta (ho notato che ogni marca ha i suoi fermenti) e Acidif ovuli. Vorrei un suggerimento, però(linee guida ancora fuori uso. Sicuramente lì avrei trovato altre info. Scusatemi :) ). Vorrei fare una cura d'urto, lunga, utilizzando l'intera scatola di Acidif (10 ovuli) alternato a yogurt. E' troppo? Sono nel post ovulazione. Dopo mestruazioni vorrei fare una cura di 5 giorni di yogurt alternati a 5 di Acidif (o mi consigliate altro?) tornando cioè ad una cura di mantenimento da fare ogni mese prima e dopo le mestruazioni, come ho letto in un post di Elena. Faccio bene o devo cambiare qualcosa nel mio piano?
Nel penultimo tampone oltre all'Escherichia Coli, c'era anche presenza di Enterococcus faecalis in bassa carica microbica. Non voglio dare più occasione a nessun batterio di prendere il sopravvento na  .
Grazie mille per il vostro aiuto preziosissimo, per i vostri consigli e per il vostro tempo. Ero disperata quando ho trovato il vostro sito.
Grazie love
avatar
formichina



Messaggi : 9
Iscritto il : 10.03.16
Anno di nascita : 1977
Provincia di residenza : Brescia
Storia personale Storia personale : La mia Scheda https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t2313-scheda-personale-formichina

La mia SP

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Dom 17 Apr 2016, 12:17
Ciao ragazze, dall'esito del mio tampone vaginale risulta un ph di 4,6 e scarsa flora lattobacillare.
Riguardo alla flora vaginale il medico che mi ha diagnosticato svv mi aveva detto di usare a giorni alterni normogin e Agena blocagin per due settimane. Mi chiedo se questi prodotti vadano bene e quando conviene partire, due settimane prima del ciclo o subito dopo?
Inoltre sono sufficienti 2 settimane o conviene proseguire con altri cicli ? Mentre per il ph cosa potrei fare ? Devo usare prodotti specifici o va bene lo yogurt ? E se sì lo alterno ai lattobacilli ?
Grazie
avatar
layla88



Messaggi : 16
Iscritto il : 11.11.14
Anno di nascita : 1988
Provincia di residenza : Venezia
Comune : Venezia
Storia personale Storia personale : La mia Scheda https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1743-la-mia-esperienza

La mia SP https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1752-la-mia-storia

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Dom 01 Mag 2016, 19:09
Ragazze, volevo chiedervi se riuscite a trovare gli ovuli Lactonorm..A me in farmacia hanno detto che non li fanno più.. Voi riuscite a trovarli? grazie per le risposte..
Stellina93



Messaggi : 170
Iscritto il : 30.07.13
Anno di nascita : 1993
Provincia di residenza : Reggio Emilia
Storia personale Storia personale : https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1501-la-mia-storia

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Dom 01 Mag 2016, 19:21
Come ho già scritto in altri topic il Lactonorm purtroppo è fuori produzione da oltre un anno ed assolutamente introvabile. Non fidarti delle farmacie online che lo danno disponibile. Prima ti fanno pagare poi ti contattano per dire che non ce l'hanno e ti chiedono se vuoi acquistare altro anzichè il rimborso. E' capitato anche ad altre.
Ad oggi trovi facilmente solo il Normogin e il Bactocin purtroppo.
avatar
layla88



Messaggi : 16
Iscritto il : 11.11.14
Anno di nascita : 1988
Provincia di residenza : Venezia
Comune : Venezia
Storia personale Storia personale : La mia Scheda https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1743-la-mia-esperienza

La mia SP https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1752-la-mia-storia

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Dom 01 Mag 2016, 22:14
Grazie per l'informazione Stellina93..Infatti, mi avevano detto che il Lactonorm era uno dei migliori che non dava fastidi, ma non l'ho mai trovato nelle farmacie dove ho chiesto..Il Normogin purtroppo mi dava bruciore quando fuoriusciva il giorno dopo.. Mi sono trovata bene con il Difesan Flor che per fortuna non mi ha mai dato fastidio..grazie ancora:)
Stellina93



Messaggi : 170
Iscritto il : 30.07.13
Anno di nascita : 1993
Provincia di residenza : Reggio Emilia
Storia personale Storia personale : https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1501-la-mia-storia

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Dom 01 Mag 2016, 23:29
Anche a me il normogin dava fastidio in passato. Ultimamente lo inserivo dopo averlo "inzuppato" nello yogurt e andava molto meglio mr green Il difesan flor nemmeno a me ha dato problemi, ma ricordati che contiene anche la lattoferrina oltre ai fermenti  :)
avatar
layla88



Messaggi : 16
Iscritto il : 11.11.14
Anno di nascita : 1988
Provincia di residenza : Venezia
Comune : Venezia
Storia personale Storia personale : La mia Scheda https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1743-la-mia-esperienza

La mia SP https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1752-la-mia-storia

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Mar 03 Mag 2016, 20:24
@stellina93, ne approfitto per chiederti ancora un consiglio..Io sto prendendo il Lenicand, una al giorno e poi il Difesan Flor.. ho una bella candida con perdite che mi provoca bruciore..secondo te dovrei aggiungere altro? Ho visto che hai sottolineato che il Difesan Flor ha la lattoferrina oltre ai fermenti..era nel senso di non aggiungere altro? grazie mille...
Stellina93



Messaggi : 170
Iscritto il : 30.07.13
Anno di nascita : 1993
Provincia di residenza : Reggio Emilia
Storia personale Storia personale : https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t1501-la-mia-storia

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Mar 03 Mag 2016, 20:59
Questo non è il topic adatto. Ti rispondo velocemente nella tua storia personale :)
avatar
Francesca-cori



Messaggi : 145
Iscritto il : 18.09.15
Anno di nascita : 1993
Provincia di residenza : Torino
Storia personale Storia personale : La mia Scheda https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t2081-storia-personale-di-francesca

La mia SP https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t2082-ciao-a-tutte

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Dom 19 Giu 2016, 21:37
Ciao, sono due anni che pur prendendo lattobacilli localmente tutti i mesi per una settimana dopo il ciclo (questo mese addirittura li ho presi per 2 settimane di fila per una sospetta infezione vaginale) ho perennemente il ph a 6-6.5, sono arrivata addirittura a 8!!!! E sono stata per un anno fino al mese scorso senza infezioni (per fortuna) cosa posso fare però per rimettere a posto questo dannato ph??? Ok passato ho usato anche fermenti contenenti acido borico ma poi mi è stata fatta la diagnosi di vulvodinia e mi hanno detto che l'acido borico era troppo aggressivo.. Aiutatemi!! Tra altro ho appena letto che in periodo ovulatorio gli ovuli non andrebbero usati.. La mia gine non me l'ha mai detto -.-
avatar
Aida Blanchett

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS
Qualifica professionale Qualifica professionale :
Master Mind-Body Coach & Trainer per donne con dolore pelvico, fibromialgia, dolore cronico, stress management, best life design. Contatti
www.AidaBlanchett.com


Messaggi : 16117
Iscritto il : 17.10.10
Anno di nascita : 1977
Provincia di residenza : Roma
Comune : Roma
Storia personale Storia personale : • LA MIA STORIA e la fondazione di VULVODINIA.INFO e VULVODINIA.INFO ONLUS


Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585

IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO ONLUS non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO ONLUS si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO ONLUS non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.


Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Dom 19 Giu 2016, 22:02
Non è con i lattobacilli che si riassesta il pH. Leggi il topic, vedrai che tutto sarà più semplice. Baci.




Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585


IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020
avatar
Francesca-cori



Messaggi : 145
Iscritto il : 18.09.15
Anno di nascita : 1993
Provincia di residenza : Torino
Storia personale Storia personale : La mia Scheda https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t2081-storia-personale-di-francesca

La mia SP https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t2082-ciao-a-tutte

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Dom 19 Giu 2016, 22:11
L'ho letto ma da quanto ho capito il ph si assesta anche grazie ad accortezze quali non lavarsi troppo di sovente, non usare saponi, mangiare sano, ecc che io già metto in pratica, non so più che fare!
avatar
Francesca-cori



Messaggi : 145
Iscritto il : 18.09.15
Anno di nascita : 1993
Provincia di residenza : Torino
Storia personale Storia personale : La mia Scheda https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t2081-storia-personale-di-francesca

La mia SP https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t2082-ciao-a-tutte

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Dom 19 Giu 2016, 22:41
L'inserimento di tavolette di vitamina C è sconsigliato per chi soffre di vulvodinia?
avatar
Aida Blanchett

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS

Elena Tione Presidente VULVODINIA.INFO ONLUS
Qualifica professionale Qualifica professionale :
Master Mind-Body Coach & Trainer per donne con dolore pelvico, fibromialgia, dolore cronico, stress management, best life design. Contatti
www.AidaBlanchett.com


Messaggi : 16117
Iscritto il : 17.10.10
Anno di nascita : 1977
Provincia di residenza : Roma
Comune : Roma
Storia personale Storia personale : • LA MIA STORIA e la fondazione di VULVODINIA.INFO e VULVODINIA.INFO ONLUS


Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585

IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020

• Non sono un medico.
Tutti i consigli vanno seguiti sotto la propria respons-abilità e valutati col proprio medico curante, al quale nessuno senza gli stessi titoli e autorizzazioni può legalmente ed eticamente sostituirsi.
VULVODINIA.INFO ONLUS non è e non può essere ritenuto in alcun modo responsabile dei contenuti dei messaggi presenti nel Forum, scritti e inviati autonomamente dagli Utenti sotto loro piena e totale respons-abilità.
VULVODINIA.INFO ONLUS si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di eliminare/modificare dal Forum i post aventi contenuto illegittimo, illegale o comunque lesivo di altrui diritti e dei contenuti ritenuti non in linea con il Regolamento completo e aggiornato della comunità.
I gestori di VULVODINIA.INFO ONLUS non si assumono in alcun modo la respons-abilità per eventuali danni derivati a persone tramite i messaggi inseriti nel Forum.


Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Dom 19 Giu 2016, 22:54
Sì, perché bruciano. Cosa hai fatto sin'ora per normalizzare il pH, oltre a ciò che hai scritto? Un riequilibrante del pH come lo yogurt? Il mifluor gel?...




Anche quest'anno non dimenticarti delle oltre 4 milioni di italiane che soffrono di vulvodinia!
Il tuo 5 x 1000 x 1 donna su 7 Codice Fiscale  97 82 56 90 585


IBAN: IT 78 I 02008 05041 00010 3734300
per bonifici dall'Estero aggiungere il codice BIC Agenzia: UNCRITM1020
avatar
Francesca-cori



Messaggi : 145
Iscritto il : 18.09.15
Anno di nascita : 1993
Provincia di residenza : Torino
Storia personale Storia personale : La mia Scheda https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t2081-storia-personale-di-francesca

La mia SP https://www.vulvodiniapuntoinfo.com/t2082-ciao-a-tutte

Re: Ecosistema vaginale, pH, lattobacilli (Döderlein), acido, alcalino, ormoni estrogeni • VULVODINIA.INFO

il Dom 19 Giu 2016, 23:15
DAllora, ho provato svariati ovuli di lattobacilli dopo il ciclo (bactocin, iside22-con acido borico- e ora uso degli ovuli di l.rhamnosus, il mese scorso solo una settimana dopo il ciclo questo mese per tutto il mese perché per la prima volta i lattobacilli erano risultati assenti in un tampone), lo yogurt l'ho messo per 4 o 5 mesi per 10 gg dopo il ciclo ma anche qui nessun cambiamento positivo, bevo molto, non mi lavo più di due volte al giorno e solo con acqua, non uso salva slip o altre cose che creano umidità, uso assorbenti solo esterni e di cotone e non mangio più cose zuccherate o fatte con farine raffinate (pane, pasta di grano ecc)
Il ph due anni fa era a 5 (in presenza dell'ureaplasma) e i lattobacilli risultavano però nella norma, da allora il mio ph è salito sempre più fino ad arrivare a 6 e poi a 8 (sempre in assenza di infezioni e in presenza di lattobacilli) ora all'ultimo tampone il ph era ancora a 6 (questa volta in presenza di una lieve infezione da enterobatteri) ma per la prima volta in vita mia i lattobacilli risultavano completamente assenti shock per la cura dell'infezione ho dovuto fare un secondo tampone per avere l'antibiogramma e sto ancora aspettando l'esito, però vorrei fare qualcosa per mettere a posto il ph nel frattempo! Anche se mi sembra una impresa impossibile, l'unica cosa che potrei provare a fare è usare acido borico o vitamina C  ma non va bene con la vvd.. 
Può essere che questo squilibrio perenne del ph (anche se senza infezioni per molti mesi) possa influire sulla non riuscita di nessuna cura per la vvd che ho fatto da un anno a questa parte?
In passato ho avuto problemi ormonali (non ho avuto il ciclo per qualche mese), ora sono regolare ma può essere che questo valore alterato del ph sia comunque dovuto a un problema ormonale?
Grazie
Vedere l'argomento precedenteTornare in altoVedere l'argomento seguente
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum